Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Artisti sul palco per il Mire I fondi a quota 30 milioni

Tra i protagonisti il padre di Valentina Cacciani morta a 21 anni per un malore Al sax Giammaria Manghi che ha eseguito il brano “Concerto d’Aranjuez”

REGGIO EMILIA. Sono tanti i casi in cui la musica è riuscita non solo ad emozionare ma soprattutto ad aiutare, ed è stato proprio quest’ultimo l’obiettivo della serata benefica di mercoledì scorso. L’appuntamento al teatro Cavallerizza di Reggio Emilia ha coinvolto artisti e cittadini per raccogliere i fondi utili per la realizzazione di un nuovo progetto sanitario: il Mire, ovvero il nuovo reparto Maternità e infanzia dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Lo spettacolo ha visto ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA. Sono tanti i casi in cui la musica è riuscita non solo ad emozionare ma soprattutto ad aiutare, ed è stato proprio quest’ultimo l’obiettivo della serata benefica di mercoledì scorso. L’appuntamento al teatro Cavallerizza di Reggio Emilia ha coinvolto artisti e cittadini per raccogliere i fondi utili per la realizzazione di un nuovo progetto sanitario: il Mire, ovvero il nuovo reparto Maternità e infanzia dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Lo spettacolo ha visto esibirsi 27 artisti in esibizioni musicali, di danza e di poesia. In particolar modo sono stati coinvolti Corrado Cacciani, padre della ventunenne Valentina prematuramente scomparsa una sera del 2007 mentre serviva ai tavoli della festa del pesce di Bagnolo in Piano, che con l’aiuto di alcuni amici musicisti ha registrato in un cd di canzoni in ricordo della figlia poi venduto a sostegno della causa e il presidente della Provincia Giammaria Manghi che ha eseguito con il sassofono contralto il brano “Concerto d’Aranjuez” del compositore spagnolo Joaquín Rodrigo mantenendo la promessa di salire sul palco. «È stata una serata molto bella ed emozionante – dice lo stesso Manghi – non solo perché il teatro era gremito di spettatori calorosi ed entusiasti ma soprattutto perché è stato raggiunto lo scopo principale. Quando si parla di beneficenza è inevitabile e primario il coinvolgimento di più persone possibili ed è quello che è accaduto al teatro Cavallerizza». L’iniziativa rientra nel progetto “Musicisti e artisti in progREss” ed è stato organizzato grazie alla collaborazione dall’associazione Curare Onlus, dei genitori di Valentina, Corrado e Patrizia Cacciani e dalla Divisione di Ginecologia e Ostetricia del Santa Maria Nuova. «Grazie anche allo spettacolo di beneficenza sono stati raccolti tutti i 30 milioni di euro necessari per i primi due stralci del progetto – dichiara il presidente della Provincia –. Questi soldi erano necessari per partire con il programma esecutivo, nonostante il Mire ne richieda di più. Mancano infatti ancora circa 7 milioni euro per dirsi completamente ultimato. L’obiettivo in un certo senso si può dire raggiunto e ora abbiamo concretamente la cifra e gli strumenti atti alla creazione del nuovo reparto ospedaliero».

Questa iniziativa benefica rispecchia l’impegno non solo di professionisti e istituzioni ma degli stessi reggiani che, dopo il traguardo rappresentato dal Core, vogliono mettersi di nuovo in gioco per migliorare un altro polo sanitario.