Quotidiani locali

Il fiuto di Jago incastra il pusher di Villarotta

Luzzara, arrestato un 33enne. Il cane della polizia scova il nascondiglio della droga. Sequestrati 12 grammi di marijuana, 196 grammi di hascisc, 0,8 grammi di cocaina e 1.645 euro

LUZZARA. Il fiuto di Jago incastra lo spacciatore di Villarotta. È infatti grazie all’unità cinofila della polizia di Stato che gli agenti della squadra Mobile, al termine di un’attività mirata nata dopo numerose segnalazioni da parte dei cittadini, hanno potuto trovare i nascondigli della droga lungo la boscaglia. 
 
 
Lo spacciatore, volto noto nel “giro” della droga a Villarotta, alla fine è stato arrestato. Si tratta di Serfak Abdelaziz, classe 1985, con precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti, in regola con la normativa sul soggiorno. Ad arrestarlo, si diceva, sono stati gli agenti della squadra Mobile della questura di Reggio Emilia, e di un loro collega molto speciale, Jago, cane dal fiuto eccezionale in servizio nella polizia di Stato.
 
L’importante arresto è stato eseguito nel pomeriggio di giovedì 12 aprile dopo che, alla polizia, erano arrivate parecchie segnalazioni dai cittadini della zona di Villarotta, che lamentavano movimenti sospetti nell’area. 
 
Dopo varie ore di appostamento gli operatori della squadra Mobile hanno notato un uomo compiere strane azioni, in particolare la persona, che poi sarà identificata in Abdelaziz, scendendo dalla sua auto, un’utilitaria di colore scuro, occultava qualcosa tra la vegetazione, e ripeteva tale operazione due volte. 
 
Dopo aver effettuato queste soste lungo la boscaglia Abdelaziz ha incontrato altri due uomini, ai quali ha consegnato qualcosa ricevendo altro in cambio. Gli operatori hanno poi accertato che aveva appena eseguito una cessione di sostanza stupefacente: 0.8 grammi di cocaina ceduta per 80 euro. 
 
 
Lo spacciatore è stato quindi bloccato e sottoposto a perquisizione personale. Perquisite anche l’auto e l’abitazione a Luzzara. 
 
Al termine sono stati sequestrati 995 euro e materiale utile al confezionamento della sostanza stupefacente. Intanto però grazie al fiuto di Jago, ripercorrendo i luoghi, isolati, in cui aveva sostato l’auto dell’arrestato, sono stati trovati anche i nascondigli lungo la boscaglia e qui rinvenuti un bilancino di precisione, 196 grammi di hashish suddivisi in due panetti, 12 grammi di marjuana ed un bilancino di precisione. 
 
Sempre grazie a Jago è stata scoperta, all’interno dell’auto dell’arrestato, ben occultata in una intercapedine, una calza, arrotolata, contenente 650 euro provento, verosimilmente, di attività di spaccio.
 
Sentiti, anche, quattro clienti dell’arrestato indicato come un riferimento per i tossicodipendenti di Luzzara e d’intorni, soggetto avente disponibilità, costante, di stupefacente tipo cocaina e hashish.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik