Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Dall’albergo alla cella: turista arrestato

Aveva scelto Cavriago per passare qualche giorno di vacanza, ma doveva scontare una pena di 6 mesi

CAVRIAGO. Voleva trascorrere qualche giorno di vacanza in Italia, approfittando nel periodo pasquale. Peccato che avesse a suo carico una pena definitiva di sei mesi da scontare in carcere. La breve vacanza, per un uomo di 45 anni, nordafricano da tempo ormai residente in Svizzera, è finita nel peggiore dei modi: dalla stanza d’albergo di Cavriago dove voleva passare qualche giorno in tranquillità assieme alla famiglia, è passato direttamente in una cella della Pulce, il carcere di Reggio Em ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAVRIAGO. Voleva trascorrere qualche giorno di vacanza in Italia, approfittando nel periodo pasquale. Peccato che avesse a suo carico una pena definitiva di sei mesi da scontare in carcere. La breve vacanza, per un uomo di 45 anni, nordafricano da tempo ormai residente in Svizzera, è finita nel peggiore dei modi: dalla stanza d’albergo di Cavriago dove voleva passare qualche giorno in tranquillità assieme alla famiglia, è passato direttamente in una cella della Pulce, il carcere di Reggio Emilia.

L’uomo era ricercato dal giugno dell'anno scorso per una pena definitiva di 6 mesi per il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice, commesso nell’aprile del 2009 a Bergamo. Una storia complessa di sequestri e mancati.

I carabinieri di Sant'Ilario d'Enza si sono accorti de l suo arrivo controllando le presenze negli alberghi – come sempre viene fatto – e hanno eseguito l'ordine di carcerazione.

A finire in manette un uomo, appunto, il nordafricano, residente in Svizzera. Sul capo del 45enne pendeva l'ordine emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della procura bergamasca dovendo scontare sei mesi di reclusione per il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. Un reato commesso nel 2009 a Bergamo, che aveva visto l’uomo denunciato per aver disatteso un provvedimento di sequestro che lo vedeva custode giudiziario del bene sequestratogli.

Da quel momento è partito l’iter processuale con la condanna scattata nel maggio del 2011 a 6 mesi di reclusione emessa dal tribunale. Di conseguenza la pena è diventata definitiva e il provvedimento è stata eseguito dai carabinieri.