Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

All’oasi Wwf di Marmirolo è tempo dei primi amori

Prove di corteggiamento per i cavalieri d’Italia, avvistato uno svasso solitario. Con la bella stagione in arrivo anche la ripresa delle attività didattiche

REGGIO EMILIA. La primavera è arrivata, ormai, secondo il calendario. Anche se le bizze del meteo degli ultimi giorni - compresa una inaspettata nevicata in molto zone del nord e dell’Emilia lunedì scorso - fanno venire qualche dubbio... Non “hanno dubbi” invece gli ospiti dell’oasi Wwf di Marmirolo, a due passi dalla via Emilia nel territorio di Reggio, che già da qualche tempo sono all’opera.



«Ci sono i cavalieri d’ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA. La primavera è arrivata, ormai, secondo il calendario. Anche se le bizze del meteo degli ultimi giorni - compresa una inaspettata nevicata in molto zone del nord e dell’Emilia lunedì scorso - fanno venire qualche dubbio... Non “hanno dubbi” invece gli ospiti dell’oasi Wwf di Marmirolo, a due passi dalla via Emilia nel territorio di Reggio, che già da qualche tempo sono all’opera.



«Ci sono i cavalieri d’Italia con atteggiamenti di accoppiamento – ci racconta Gioacchino Pedrazzoli del Wwf - ma anche uno svasso maggiore che si aggira per ora solitario. Mentre i tuffetti sono molto attivi. Ho osservato anche il martin pescatore oltre alle ormai consuete presenze di aironi: cenerino, bianco maggiore, guardabuoi. E poi le garzette».

Per gli appassionati di bird watching è un momento importante - e non solo entro i confini dell’oasi - per ammirare i pennuti impegnati nelle prime attività dopo l’inverno.

In questo, l’oasi del Wwf rappresenta un luogo prezioso da preservare, dove ogni anno tante specie di uccelli si fermano per vivere il momento più significativo dell’anno: quello della riproduzione.

Con la bella stagione, anche quest’anno, riprenderanno le attività all’interno di quella fantastica aula a cielo aperto che è questo fazzoletto di verde con i suoi due laghetti. Un’occasione da non perdere per grandi e piccini.

Per rimanere aggiornati sulle attività prossime dell’oasi visitare la pagina Facebook “Wwf Emilia Centrale”, che raccoglie informazioni e diffonde fotografie delle oasi del territorio emiliano.