Quotidiani locali

Reggio Emilia, 50enne accoltellato alla schiena durante una lite con l’amica 25enne

Violenta discussione in un appartamento di via Dalmazia. Denunciata una 25enne spagnola che ha ferito il 50enne con un oggetto da taglio

REGGIO EMILIA. Una lite domestica molto accesa degenerata, probabilmente anche a causa di un abuso di alcolici, in urla, botte e infine una vera e propria aggressione a mano armata. E la scena che si sono trovati davanti gli agenti di polizia, intervenuti pochi minuti dopo nell’appartamento, è stata la perfetta rappresentazione della furia che si era scatenata fra i due contendenti: bottiglie rotte, cocci di vetro ovunque, copiose tracce di sangue e mobili distrutti e divelti. Protagonisti di questa vicenda sono stati una ragazza spagnola di 25 anni, a Reggio Emilia per turismo e in città da pochi giorni, un suo conoscente peruviano 50enne e un’amica della giovane.

È stata proprio quest’ultima, testimone del violento diverbio fra i due, ad allertare la polizia nella notte fra domenica e lunedì, verso le 3. Nell’abitazione di via Dalmazia, teatro della lite, si sono precipitate in tutta fretta due pattuglie della squadra Volanti, anche perché la telefonata della ragazza al 113 aveva fatto supporre al peggio.

Giunti sul posto i poliziotti hanno trovato la porta d’ingresso dell’appartamento ancora aperta e, sulla soglia, la 25enne ancora in stato di forte agitazione, probabilmente anche a causa dell’assunzione di alcolici. La stessa giovane ha poi raccontato agli agenti che, pochi minuti prima, aveva avuto un’accesa discussione poi degenerata con un suo amico, che nel frattempo si era allontanato dalla casa uscendo in strada.

L’appartamento in questione, controllato dalla polizia, mostrava effettivamente un vistoso disordine con cassetti della cucina divelti e in terra, cocci di bottiglie di birra sul pavimento, altri frammenti di vetro sparsi un po’ ovunque e delle vistose tracce di sangue.

La ragazza, proseguendo nel suo racconto, ha giustificato la devastazione dell’immobile spiegando di essere stata aggredita – prima verbalmente e poi con dei pugni in pieno viso – dal suo conoscente peruviano con cui aveva passato la serata e che aveva accolto temporaneamente in casa per passare la notte. Qualche istante dopo il racconto, però, gli agenti rimasti all’esterno della palazzina hanno individuato il secondo contendente in una strada poco lontano, un 50enne che sanguinava copiosamente dalla schiena tanto da aver imbrattato tutti gli abiti.

Le Volanti hanno quindi fatto intervenire il personale del 118 mentre il sudamericano, a causa della copiosa perdita di sangue, faticava a parlare ed era sul punto di perdere i sensi. I poliziotti, capito che il racconto della 25enne non tornava del tutto, hanno interrogato nuovamente la testimone e altri presenti scoprendo l’esatta dinamica di quanto successo.

A ferire alla schiena il peruviano, con un’arma da taglio non ancora identificata, era stata proprio la giovane spagnola che, dal canto suo, ha continuato a negare tutto

mostrando invece i segni dei lividi sul suo volto e un dente scheggiato. Segni, secondo lei, dei pugni inferti dal 50enne.

La ragazza è stata comunque denunciata per lesioni aggravate, mentre l’uomo è ricoverato al Santa Maria con una prognosi di 20 giorni.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro