Quotidiani locali

Scandiano, svaligiata la casa della leghista nei giorni della fiera

Furti a raffica negli ultimi giorni tra Ventoso e San Ruffino. Bottino di 10mila euro mentre la famiglia di Chiara Ferrari era al piano inferiore

SCANDIANO. Furti tentati e furti riusciti. È stato un martedì pomeriggio agitato quello vissuto sui colli scandianesi, fra Ventoso e San Ruffino, dove sono stati segnalate diverse effrazioni, alcune delle quali fallite per il rientro in casa dei proprietari.

Attorno alle 18 ladri sono entrati in un’abitazione di Ventoso, portando via gioielli e denaro e hanno provato a replicare, sempre nello stesso paese, in una casa all’incrocio fra via Rinaldini e via dei Goti, la quale attraversa gran parte della frazione. Nel primo caso il furto è andato a buon segno, come raccontato da una delle abitanti, la militante leghista Chiara Ferrari che parla di circa 10mila euro di bottino.

I proprietari erano in casa, al piano terra, e non si sono accorti di quanto accaduto ai piani superiori della loro casa. In via Rinaldini invece il rientro della famiglia presa di mira ha costretto gli autori alla fuga in tempi rapidi.

Sempre alla stessa ora altre persone sono penetrare in un’abitazione a Ca’ de Caiti, nell’omonima via di San Ruffino, a diversi chilometri di distanza da Ventoso. I due ladri sono stati notati dai vicini mentre si allontanavano su una vecchia Panda chiara dopo aver compiuto la loro “visita”.

Ora si stanno facendo verifiche anche sui veicoli rubati. Nei mesi scorsi è emerso che spesso i ladri utilizzano auto rubate nel distretto ceramico per i loro colpi, sfruttando le tante vie di collegamento e le brevi distanze fra reggiano e modenese per passare inosservati o quasi. I fatti di martedì sembrano inserirsi in questo modello, replicato in diverse occasioni e ricostruito grazie agli arresti compiuti dai carabinieri alla fine del 2017 che fecero scattare le manette ai polsi di una banda di albanesi al termine di una lunga scia di colpi.

Ventoso e San Ruffino, aree collinari, sono fra le principali zone residenziali scandianesi e quindi “bersagli” particolarmente ghiotti per le bande che da alcuni anni operano nei territori reggiani e modenesi.

Per la Lega Nord di Scandiano vi sarebbe un altro elemento: l’avvicinarsi della fiera di San Giuseppe e l’arrivo di tante persone. Il segretario provinciale leghista Roberto Monti commenta il furto subito da Chiara Ferrari: «Effetti personali per almeno 10 mila euro sono stati sottratti, senza contare il rischio che Chiara e i suoi famigliari hanno corso considerando che erano in casa nei piani sottostanti» afferma.

«Ogni anno è la stessa storia, ogni volta che si avvicinano i giorni della fiera i cittadini temono le azioni dei ladri, che sempre più agiscono indisturbati», aggiunge. La Ferrari, dal canto suo, si sofferma sull’intervento dei carabinieri: «Mi rammarica dire che non è possibile effettuare tre chiamate e attendere 30 minuti, prima di vedere una pattuglia. Capisco le difficoltà delle forze dell’ordine di cui ho una

grande stima, ma la sicurezza del cittadino non dovrebbe essere accantonata».

Dal comando dei carabinieri abbiamo appreso che la prima pattuglia utile - occupata in una situazione d’emergenza - appena possibile è stata avviata dove era stato consumato il furto.
 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro