Quotidiani locali

«Fuga di gas dalla caldaia montata male»

Bibbiano, famiglia intossicata. Il padre: «Il tubo scaricava i fumi in casa. Attendo la relazione dei vigili per fare denuncia»

BIBBIANO. Ha rischiato grosso la famiglia di Bibbiano ricoverata la sera del primo marzo in ospedale, per un’intossicazione da monossido di carbonio. Secondo il risultato degli accertamenti compiuti dai vigili del fuoco nella villetta monofamiliare di via Prandi, la perdita di gas sarebbe stata causata da un errore nel montaggio dell’impianto della nuova caldaia a condensazione.

All’ospedale prima di Montecchio poi di Reggio Emilia, infine ricoverati a Fidenza per il trattamento in camera iperbarica, sono finiti una donna di 26 anni, i suoi tre figli, un maschietto di 8 anni e due femmine di 6 e 4 e uno dei due operai che stavano lavorando all’impianto di allarme.

«La questione è molto seria – afferma Roberto Mascio, padre dei tre bambini e marito della donna, che la sera dell’incidente non era ancora rientrato a casa e che ha raggiunto i famigliari in ospedale – aspetto la relazione dei vigili del fuoco per poi fare la denuncia». Secondo quanto afferma l’uomo, i tecnici che hanno montato la caldaia avrebbero commesso un errore, invertendo i tubi, uno per l’aerazione e l’altro per lo scarico. «Il tubo che avrebbe dovuto scaricare sul tetto – racconta Mascio – buttava i fumi all’interno della casa. Per questo gli ambienti si sono presto saturati di gas: una cosa gravissima, per la quale la mia famiglia poteva subire conseguenza molto serie». La prima a sentirsi male è stata la bambina più piccola, poi è toccato agli altri due ragazzi. E’ stato a quel punto che la mamma ha chiesto aiuto al 118. Quando le ambulanze sono arrivate, la famiglia e gli operai (uno dei due non è stato ricoverato) erano ancora coscienti, poi sono iniziati gli accertamenti dei vigili del fuoco, che sono tornati nella villetta di Bibbiano anche il giorno successivo per

un ulteriore sopralluogo.

«Voglio precisare – prosegue Mascio – che non ho installato stufe nella mia abitazione e che quindi la fuga di gas è potuta partire solo dalla caldaia». Mamma e bambini, dopo due giorni di esami e cure, sono tornati a casa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro