Quotidiani locali

Emergenza maltempo, dopo la neve scatta l’allarme gelicidio

Allerta arancione della Protezione civile «per pioggia che gela al suolo da Reggio Emilia alla costa»

REGGIO EMILIA. Erano previsti in pianura almeno quindici centimetri di neve. Ieri ne sono caduti circa la metà e la temperatura si sta innalzando al punto da fare prevedere che la precipitazione si trasformi in pioggia. Tuttavia nei bassi strati rimane aria fredda, che oggi potrebbe fare congelare le gocce nel micidiale gelicidio, responsabile di tanti danni nel 2015.

Burian, i reggiani sfidano neve e ghiaccio REGGIO EMILIA. Nonostante la neve, caduta copiosa nella notte, sono tanti i reggiani che hanno sfidato le avverse condizioni meteo, in macchina o a piedi, attrezzati per non farsi fermare dalla neve.


A questo proposito la protezione civile regionale ha lanciato un’allerta arancione «per pioggia che gela al suolo da Reggio Emilia alla costa, mentre continueranno le nevicate nel Piacentino e nel Parmense». Il monitoraggio delle condizioni atmosferiche e la predisposizione dei necessari interventi proseguono senza sosta.

Se i fenomeni dovessero assumere una dimensione notevole, potrà essere valutata anche la dichiarazione dello stato di emergenza. I fiocchi, fitti ma molto sottili, avevano incominciato a scendere nella notte, formando rapidamente una leggera coltre bianca in città e nel resto della pianura, dove la poca neve della settimana scorsa si era completamente dissolta.



Infatti il gelo eccezionale dei giorni scorsi aveva trasformato la valle padana in un gigantesco congelatore, sul quale la perturbazione arrivata dall’Atlantico non poteva scaricare altro che neve. Le temperature minime si sono mitigate, ma ieri il termometro è rimasto sotto lo zero in tutta la provincia per l’intera giornata.

Cigni e papere nuotano fra la neve nella Vasca di Corbelli REGGIO EMILIA. Lo spettacolo della Vasca di Corbelli immersa nella neve, con cigni e papere che si trovano a nuotare circondati dal bianco del manto nevoso.


Secondo le rilevazioni di Reggio Emilia Meteo ha oscillato in città fra -3.1 e -0.7, a Boretto fra -3.1 e -1.7. Più crudi, come al solito, i valori registrati in montagna, fra -11.5 e -9.7 a Ventasso Laghi, fra -10.5 e -8.9 a Cerreto Laghi, fra -7.7 e -6.1 ai piedi della Pietra di Bismantova.

Mentre sull’Appennino la precipitazione ha ispessito il manto preesistente, arrivato a circa un metro e mezzo sul crinale, in pianura la coltre non ha superato i 5-10 centimetri. Nella prima mattinata la neve, piuttosto secca e farinosa, faceva presa anche sulle strade.

Le strade di Reggio Emilia coperte di neve REGGIO EMILIA. Ore 6, la nevicata della notte ha imbiancato la città. I mezzi spartineve sono già in azione ma anche le auto, che "battono" il manto nevoso e trasformano le strade in piste da sci. LEGGI L'ARTICOLO


Poi l’intervento delle pale meccaniche, unito all’effetto del sale cosparso preventivamente, ha liberato le carreggiate agevolando la circolazione. Verso sera la nevicata è quasi cessata, ma ora incombe la minaccia del gelicidio.

Operai al lavoro per liberare l'IperCoop Baragalla dalla neve REGGIO EMILIA. Operai al lavoro nella tarda mattinata per liberare dalla neve il parcheggio dell'IperCoop di Baragalla e permettere ai reggiani di fare la spesa prima che il gelo renda impraticabili le strade.


Infatti la tiepida aria atlantica, essendo più leggera, scivola in alto, facendo salire rapidamente la temperatura a livello dell’alto Appennino, dove dai meno 15-20 gradi di fine febbraio si salirà fra oggi e domani anche al di sopra dello zero, rendendo possibile la pioggia destinata a congelare alle quote inferiori.

Il centro di Reggio Emilia sotto la neve REGGIO EMILIA. Ecco come si pèresenta, questa mattina, il centro storico di Reggio Emilia dopo la nevicata della notte che, secondo le previsioni, proseguirà per tutta la giornata. LEGGI L'ARTICOLO


Per fronteggiare l’emergenza sul territorio regionale sono attivi dal 21 febbraio oltre 350 volontari organizzati in 82 squadre. Intanto il presidente Stefano Bonaccini ha chiesto lo stato di mobilitazione del servizio nazionale della Protezione civile per far fronte a eventuali ulteriori necessità di intervento.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro