Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Eliambulanze, 19 nuove aree soprattutto in montagna

BOLOGNA. Altre 142 aree, di cui 19 nel Reggiano, per il decollo e l’atterraggio delle eliambulanze su tutto il territorio regionale, anche di notte, di cui oltre la metà (83) in zone montane. E un...

BOLOGNA. Altre 142 aree, di cui 19 nel Reggiano, per il decollo e l’atterraggio delle eliambulanze su tutto il territorio regionale, anche di notte, di cui oltre la metà (83) in zone montane. E un nuovo elicottero dotato di tecnologia Nvg (Night Vision Goggles, visori a intensificazione di luce) che consentirà di utilizzare anche basi di atterraggio non illuminate.

Sono le due novità dell’elisoccorso in Emilia-Romagna, un servizio che nel 2017 ha effettuato 3.213 missioni e 1.960 ore di vol ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BOLOGNA. Altre 142 aree, di cui 19 nel Reggiano, per il decollo e l’atterraggio delle eliambulanze su tutto il territorio regionale, anche di notte, di cui oltre la metà (83) in zone montane. E un nuovo elicottero dotato di tecnologia Nvg (Night Vision Goggles, visori a intensificazione di luce) che consentirà di utilizzare anche basi di atterraggio non illuminate.

Sono le due novità dell’elisoccorso in Emilia-Romagna, un servizio che nel 2017 ha effettuato 3.213 missioni e 1.960 ore di volo. Nato nel 1986 con la prima base, quella di Bologna, a giugno 2017 è stato esteso alle ore notturne (con 17 aree a disposizione per il decollo e l’atterraggio), e ora viene ulteriormente ampliato e rafforzato: si è infatti concluso il percorso di condivisione che ha permesso a Regione, Ausl e Conferenze territoriali socio-sanitarie di raggiungere l’accordo per individuare le 142 nuove aree che diventeranno operative nel biennio 2018-2019. Complessivamente, quindi, l’Emilia-Romagna potrà contare su 159 superfici attrezzate per l’elisoccorso, anche notturno, comprese quelle ospedaliere.

Diciannove le nuove aree nel reggiano che, sommandosi a quelle già attive (ospedale) e a Castelnuovo Monti (ospedale), arriveranno a quota 21. I Comuni reggiani in cui saranno attivate le nuove aree sono: Carpineti, Vetto, Toano, Villa Minozzo, Villa Minozzo (Civago-Febbio), nel Comune di Ventasso: Collagna, Ligonchio, Busana, Ramiseto, Baiso, Succiso. Altre aree nasceranno a Canossa, Casina, Toano (Cerredolo), Castelnovo Monti località La Gatta, San Polo d’Enza, Reggiolo, Lentigione di Brescello e Guastalla.

Inoltre, già all’inizio dell’estate l’elicottero attualmente in servizio anche di notte verrà sostituito con un nuovo mezzo dotato di visori a intensificazione di luce, tecnologia militare adattata all’uso civile. Il piano di rafforzamento è stato presentato ieri in Regione dal presidente e dall’assessore alle Politiche per la salute.