Quotidiani locali

Il crinale coperto da altri 40 centimetri

Le strade reggono le precipitazioni intense. Scuole tutte aperte. Questa volta la task force dell’Enel evita i blackout elettrici

CASTELNOVO MONTI. L’emergenza neve è stata gestita bene anche nella giornata di ieri, anche se il fatto che abbia continuato a nevicare per l’intera giornata potrebbe portare a quache difficoltà in più oggi, quando comunque le precipitazioni dovrebbero attenuarsi.

Da segnalare alcuni aspetti peculiari poi che hanno caratterizzato questa perturbazione rispetto a quelle precedenti: ad esempio, il fatto che non si siano registrati blackout in Appennino, grazie a un forte impegno preventivo da parte di Enel.

SCUOLE. Sicuramente sul fatto che la mattinata di ieri non sia stata troppo caotica ha inciso anche la scelta compiuta dai Comuni di Ventasso, Villa Minozzo, Toano, Carpineti, Casina e Vezzano, che già giovedì avevano annunciato la chiusura degli istituti di propria competenza. Va detto che anche a Castelnovo Monti e Vetto, i due Comuni che invece hanno scelto di mantenere aperto, non sono stati registrati grandi problemi: è stata posta particolare attenzione al fatto che le strade e gli accessi alle scuole fossero adeguatamente sgombrati dalla neve e gli studenti che hanno scelto di andare a scuola (per quanto riguarda Castelnovo Monti anche i ragazzi di altri Comuni verso gli istituti superiori, che arrivano con gli autobus Seta) non hanno avuto particolari difficoltà.

Molti hanno comunque scelto di restare a casa e le classi sono state in media dimezzate. Alla serata di ieri comunque nessun Comune aveva invece annunciato la chiusura delle scuole per la giornata di oggi.

STRADE. Anche questa mattina non sono stati registrati blocchi o incidenti sulle strade provinciali e comunali, e anche sulla statale 63, seppur con rallentamenti e qualche coda, è stato possibile circolare anche se c’è stato un allungamento nei tempi di percorrenza. La Provincia in una nota ha spiegato che in Appennino nelle ultime ore si sono accumulati altri 30-40 centimetri sul medio Appennino, fino a una ventina in collina e fino a 8 centimetri in pianura. Le previsioni per oggi, prosegue la nota «indicano scarse precipitazioni in collina e fino a 15 centimetri di neve sul medio Appennino, una ventina sul Crinale». Rimane ovviamente operativa la task-force antineve che anche quest'anno la Provincia di Reggio Emilia ha predisposto, formata da 129 lame, 62 salatori e 2 frese, oltre a 37 uomini, tra tecnici (6), sorveglianti (12) ed operai stradali (19). Al lavoro anche gli agenti della Polizia provinciale, in particolare per verificare il rispetto dell’ordinanza che impone l’obbligo per tutti i mezzi di sistemi antisdrucciolevoli (pneumatici da neve o catene) sulle strade di collina e di montagna. Per evitare problemi al traffico è stata anche molto attiva la Polizia Stradale di Castelnovo Monti, in particolare nella zona del Ponte Rosso e in altri punti critici della provincia.

ENEL. Un capitolo a parte lo merita l’attività messa in campo da Enel per evitare il ripetersi dei blackout che avevano segnato la prima parte di questo inverno.

Lo segnala anche un abitante di Castelnovo Monti, Umberto Gianferrari, che ha avuto modo di imbattersi in personale della compagnia elettrica giovedì: «Avevo notato un transito sopra la media di autoveicoli dell’Enel e da uomo della strada mi dicevo che effettivamente nonostante la forte nevicata, in questa occasione non era venuta a meno la corrente. In serata, percorrendo a piedi la Statale 63 ho visto numerosi altri automezzi parcheggiati, e ho incontrato un addetto di Enel, con il quale ho avuto modo di confrontarmi e l’ho ringraziato per il fatto che fossero in tanti a lavorare con questo tempo. Mi ha infatti spiegato, con accento ligure, che in questi giorni almeno 250 addetti Enel sono impegnati qui da noi più altri operai di ditte che collaborano con Enel, per un totale di circa 2000 uomini».

«Ha aggiunto che questo intervento è preventivo, anche in vista delle possibili criticità indotte dalle condizioni meteo avverse, e che nelle borgate circostanti sono stati posizionati qualcosa come 300 generatori, per fare fronte ad eventuali criticità. Un ringraziamento mi è parso d’obbligo» conclude.

Un quadro che è stato confermato anche dal Sindaco di Carpineti, Tiziano Borghi. «Nella zona di

Iatica, Pontone, Villaprara, Velucciana abbiamo preso accordi con Enel di posizionare dei generatori in prossimità delle cabine elettriche da attivare in caso di interruzione di energia elettrica» ha spiegato il primo cittadino del paese del Crinale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro