Quotidiani locali

Il Crinale torna a tremare

Scossa di terremoto di magnitudo 3,3 alle 5.30, l’epicentro a Sparavalle

CASTELNOVO MONTI. È tornato a tremare, per una scossa lieve di terremoto, prima dell’alba di ieri l’Appennino emiliano.

Il sisma si è verificato alle 5.30, con epicentro registrato nella zona di Sparavalle, qualche chilometro a sud di Castelnovo Monti. Un terremoto che si è sprigionato a una profondità di 10 chilometri e che è stato di magnitudo 3.3.

Molte persone non lo hanno avvertito perché ovviamente a quell’ora erano ancora addormentate, ma quelle che erano già sveglie hanno sentito chiaramente la scossa, e c’è stato anche qualcuno con il sonno più leggero che ne è stato svegliato.

Non solo a Castelnovo Monti, ma anche nei Comuni limitrofi la scossa ha fatto paura: i più vicini all’epicentro erano Ventasso, il cui confine è appena oltre Sparavalle, e in particolare il paese di Cervarezza, ma anche Vetto, e Villa Minozzo. Anche nei paesi più vicini all’epicentro non si sono registrati danni, crolli o persone ferite.

La polizia municipale del Comune di Castelnovo Monti non ha comunque ricevuto alcuna segnalazione di allarme da parte dei cittadini o segnalazioni di danni: la scossa in superficie è stata abbastanza

lieve.

È però chiaro che in montagna episodi di questo genere fanno salire il livello di guardia, vista la sismicità storica del territorio che in passato ha subito gravi danni a causa di terremoti, come quello che nel 1920 colpì e danneggiò molti edifici a Ligonchio.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro