Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Accompagnato alla frontiera per la sesta volta dopo i danneggiamenti al bar

Il bar Mery a Sant'Ilario, sotto il grattacielo

Sant'Ilario d'Enza, un albanese di 35 anni è stato arrestato dai carabinieri dopo un raid al bar Mary avvenuto nel pomeriggio del 7 febbario

SANT'ILARIO D'ENZA. Espulso per cinque volte (l'ultima il 16 giugno dell'anno scorso), rientra in Italia e vandalizza un bar. Emiljiano Fejzo, 35 anni, albanese, è stato arrestato dai carabinieri di Sant'ilario d' Enza e accompagnato alla frontiere area Bologna per la sesta volta.

Fejzo, non appena tornato nel reggionano, ha ricominciato a delinquere e si è reso responsabile, tra gli altri reati, di furti, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente. L'ultimo in ordine ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SANT'ILARIO D'ENZA. Espulso per cinque volte (l'ultima il 16 giugno dell'anno scorso), rientra in Italia e vandalizza un bar. Emiljiano Fejzo, 35 anni, albanese, è stato arrestato dai carabinieri di Sant'ilario d' Enza e accompagnato alla frontiere area Bologna per la sesta volta.

Fejzo, non appena tornato nel reggionano, ha ricominciato a delinquere e si è reso responsabile, tra gli altri reati, di furti, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente. L'ultimo in ordine di tempo e a causa del quale sono di nuovo scattate le manette attorno ai polsi dell'albanese, è un dannegiamentodi un bar con aggressione verbale al titolare.

Il pomeriggio dell’8 febbraio scorso l'lbanese, sprovvisto di documenti,  è stato fermato dai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza all’interno del bar Mary sotto grattacielo,su richiesta del gestore che il pomeriggio del giorno precedente aveva subito offese e danneggiamenti, senza motivo apparente, da Fejzo: bicchieri e distributore delle caramelle rotti, insulti, paura.

L’identità rilevata dalle impronte digitali documentava che l’uomo si trovava in Italia clandestinamente sebbene rimpatriato per la quinta.