Quotidiani locali

Vai alla pagina su Elezioni politiche 2018
Orietta Berti: «Hanno paura di un voto? Del mio voto?»

Orietta Berti: «Hanno paura di un voto? Del mio voto?»

Reggio Emilia: dalle parole della cantante su Rai Radio 1 all’esposto all’Agcom, la cantante di Cavriago: «Mi escludono dal salotto di Fazio? Andrò a Los Angeles» 

REGGIO EMILIA. «Hanno paura di un voto? Del mio voto?». Al telefono la voce di Orietta Berti è squillante e la sua risata inconfondibile. Ospite della trasmissione “Un Giorno da Pecora”, giovedì su Rai Radio 1, Orietta con la spontaneità e la schiettezza che da sempre la contraddistinguono ha detto di apprezzare Luigi Di Maio, di essere grande amica di Beppe Grillo, e di avere intenzione di votare il prossimo 4 marzo per il Movimento 5 Stelle («è tanto che l’ho promesso a Grillo ma non l’ho mai fatto... quest’anno gli darò il voto».

Elezioni, Orietta Berti: "Voterò Grillo". E il Pd si infuria «Gli voglio dare il voto, al mio amico Grillo. Le promesse vanno mantenute!». Così Orietta Berti, ospite in studio del programma di Rai Radio1 di Un Giorno da Pecora condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. Parole che hanno scatenato un caso politico. A cominciare dalla decisione di  Sergio Boccadutri, deputato del Partito democratico e componente della Commissione Vigilanza Rai, di presentare un esposto all'Agcom: «È legale? - si chiede il parlamentare - Lo chiederemo all’Agcom, con un esposto».  Luigi Di Maio replica: «Quello del Pd è stato un atto di censura Orietta Berti ha tutta la mia solidarietà».

Queste e altre affermazioni di Orietta pro-M5s hanno scatenato un autentico putiferio in questo inizio spettinato di campagna elettorale. Al punto che Sergio Boccadutri, deputato del Partito democratico e componente della Commissione Vigilanza Rai, ha annunciato un esposto all’Agcom (l’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione) «per valutare se non siamo di fronte a una chiara violazione della legge». Nel mirino la trasmissione “Un Giorno da Pecora” ma indirettamente anche la stessa Orietta Berti: «Sarebbe anche opportuno valutare – rincara infatti Boccadutri – se Orietta Berti, dopo il suo coming out, possa continuare a ricoprire il ruolo di ospite fisso nella seconda parte della trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa”».

Di Maio in Val d'Aosta, video al volante ascoltando la sua "fan" Orietta Berti Un video alla guida della macchina, diretto da Ivrea ad Aosta per la sua campagna elettorale: in radio, a tutto volume, "Finché la barca va" di Orietta Berti. È il video pubblicato su facebook da Luigi Di Maio, candidato premier dei Cinque Stelle, in riferimento alle polemiche di ieri per l'endorsement a suo favore della cantante


Orietta, ma si rende conto che sta diventando l’ago della bilancia delle prossime elezioni?

«In effetti, se hanno paura di un voto... E poi davvero non capisco perché questo polverone. Tutta la trasmissione è stata condotta sul filo dell’ironia e anche le mie risposte volevano essere tali. Se è per questo ho anche detto che Luigi De Maio sembra un mulatto e che Renzi fa le lampade, le sembra un’osservazione politica? Certo ho detto, e lo penso, che da tempo seguo l’evoluzione del Movimento 5 Stelle e ammiro molti dei suoi esponenti per la loro onestà».

Ma ha anche detto che voterà i 5 Stelle.

«Sì, perché è un po’ che ci penso, lo avevo anche promesso a Grillo. Ma le ultime due tornate elettorali non ho votato: in genere, nel periodo delle elezioni, sono a Los Angeles con mio marito dove abbiamo parecchi amici. Il fatto è che ora Osvaldo non vuole più partire, quindi andrò a votare. A Grillo, con il quale ho lavorato negli anni d’oro, sono legata da una grande stima che penso reciproca».

Esposto Pd contro Orietta Berti, Vecchioni: "La amo e le chiedo scusa a nome del partito" Ad ascoltare Giorgio Gori, Beppe Sala, Matteo Renzi e Carlo Calenda, insieme a centinaia di militanti del Pd, al Teatro Parenti di Milano c'è anche Roberto Vecchioni. Tocca al cantautore milanese chiedere scusa a Orietta Berti a nome del partito per il minacciato esposto nei suo confronti dopo che la cantante ha manifestato in radio il suo sostegno al M5S. "Amo Orietta, le chiedo scusa a nome di tutto il Pd" ha affermato, scherzando, Vecchioni.di Francesco Gilioli


In politica, quindi, non è molto fedele.

«Guardi, io non bado tanto al simbolo ma alle persone. E quelle voto. Certo che la mia famiglia, originaria di Cavriago, è sempre stata comunista, mia madre era una partigiana, e queste sono le mie radici. Ma si parla del Pci dei tempi di Peppone e Don Camillo quando si litigava e subito dopo si andava tutti d’accordo. Però negli anni mi è capitato anche di votare in maniera diversa proprio perché guardo più alle persone che ai partiti. Come ho avuto modo di ribadire quando ho festeggiato i miei cinquant’anni di carriera, nessun lenzuolo e nessun partito mi hanno mai aiutata. Mai avuto tessere in vita mia».

Durante la trasmissione “Un Giorno da Pecora” ha anche detto che l’unico difetto di Luigi Di Maio è quello di essere troppo bello.

«Vede, si scherzava, però è vero che una persona quando è molto bella fa più fatica ad essere credibile. Io Di Maio l’ho incontrato qualche tempo fa dietro le quinte di “Che tempo che fa”, abbiamo parlato di tante cose e anche di politica. È molto giovane ma è in gamba. L’età d’altra parte non conta. Se è per quello durante la trasmissione ho anche detto che Berlusconi ha un altro fascino, è un uomo più attempato».

A proposito di Berlusconi, l’ha mai votato?

«Anche Silvio Berlusconi è una persona che ammiro. Ha fatto tante belle cose, penso per esempio a Milano 2, è un grande imprenditore. Ho anche lavorato in Mediaset e mi sono trovata bene. Mi ricordo quando Mike Bongiorno mi disse: “Sai che mi ha chiamato Berlusconi? Mi ha offerto una cifra che ancora non ci credo”. Berlusconi... perché dovrei odiarlo?».

Insomma, non era sua intenzione agitare gli animi dei politici.

«Si figuri, pensavo semplicemente di essere in una democrazia. Se non si può neppure dire che Luigi Di Maio è una bella persona e che io l’ammiro, allora non ci siamo proprio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA


 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori