Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Reggio Emilia, spaccio in zona stazione: due arrestati a capodanno

Un richiedente asilo nigeriano e un disoccupato marocchino finiti in manette in due differenti controlli eseguiti a distanza di un’ora in via Paradisi

REGGIO EMILIA. Uno in possesso di permesso di soggiorno per motivi umanitari l’altro clandestinamente presente nel territorio nazionale: entrambi con un unico comune denominatore, quello di essere spacciatori e di aver scelto quale piazza la zona antistante la stazione ferroviaria di Reggio Emilia che anche per il 2018 si rivela l’area forte per lo spaccio di stupefacenti.

Il primo giorno dell’anno, infatti, i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Reggio Emilia, in due differ ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA. Uno in possesso di permesso di soggiorno per motivi umanitari l’altro clandestinamente presente nel territorio nazionale: entrambi con un unico comune denominatore, quello di essere spacciatori e di aver scelto quale piazza la zona antistante la stazione ferroviaria di Reggio Emilia che anche per il 2018 si rivela l’area forte per lo spaccio di stupefacenti.

Il primo giorno dell’anno, infatti, i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Reggio Emilia, in due differenti controlli, eseguiti a distanza di un’ora l’uno dall’altro e sempre in via Paradisi, hanno messo le manette ai due stranieri: al profugo nigeriano per il possesso di una decina di grammi di eroina thailandese e al clandestino marocchino per il possesso di una quarantina di grammi di cocaina in sassi.

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti quindi i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Reggio Emilia hanno arrestato il nigeriano James Kingsley OWOBU 20enne profugo e il clandestino marocchino Sofyen SOMRANI 31enne, ristretti a disposizione della Procura reggiana titolare dell’inchiesta. 

A entrambi i due pusher i carabinieri hanno sequestrato i rispettivi cellulari ritenuti dai carabinieri il tramite con i clienti. Il primo a essere stato arrestato è stato il nigeriano fermato dai carabinieri che l’avevano visto invitare  un noto tossicodipendente a seguirlo.

Il profugo ha cercato di disfarsi di 5 dosi che gettava a terra e che recuperate dai carabinieri sono risultate contenere complessivi 10 grammi di eroina thailandese. Il tossicodipendente rintracciato dai carabinieri  confermava, come verificato dai carabinieri dall’analisi del cellulare, di aver contatto prima (come fatto nel recente passato almeno altre quindici volte) il nigeriano per l’acquisto di una dose di eroina.

Acquisiti i fatti il pusher veniva arrestato. A distanza di un’ora dall’arresto del nigeriano gli stessi carabinieri, nella medesima via Paradisi, fermavano un marocchino, poi risultato clandestino, che uscito dall’androne di un palazzo alla vista dei militari cercava invano di rientrare per evitare i controlli.

Subito fermato veniva trovato in possesso di 4 dosi di cocaina in sassi del peso complessivo di 40 grammi sequestrati unitamente a 300 euro in contanti provento dello spaccio essendo peraltro il clandestino nullatenente. I due pusher, al termine delle rispettive formalità di rito, venivano quindi ristretti a disposizione della Procura reggiana.