Quotidiani locali

Il 2018 insieme a “Lascia un segno”

Casalgrande, torna il calendario dell’associazione da tempo attiva in Brasile

CASALGRANDE. Torna anche per queste festività il calendario dell’associazione Lascia un segno, realtà casalgrandese attiva anche in Brasile dove sostiene la comunità di Utinga, nello stato del Bahia, città da 15 anni “gemellata” con Casalgrande.

Da tempo là operano diverse persone originarie del paese reggiano fra cui don Vittorio Trevisi, don Marco Ferrari, don Gabriele Carlotti ed Enzo Bertani. Il calendario 2018 è acquistabile nei banchetti e nelle postazioni dell’associazione, presente ai mercatini e alle manifestazioni locali e provinciale organizzate per il periodo natalizio. L’annuario, che riporta immagini delle azioni portate avanti da Lascia un segno, serve anche come riassunto del percorso fatto in questi anni.

«In questi anni infatti, grazie al lavoro e alla disponibilità di molti sono stati costruiti una scuola materna, una scuola media, un centro di recupero per “ragazzi di strada”, un centro per anziani e ultimamente si stanno dando risposte in merito al grave problema dell’acqua potabile soprattutto per gli abitanti delle campagne», raccontano i volontari.

«Ad oggi sono state realizzate quasi 600 cisterne per la raccolta di acqua piovana dai tetti delle case per fini alimentari».

L’attività brasiliana si allarga anche fuori da Utinga, inoltre, visto che dal 2011 l’associazione si è fatta carico del costo di un’insegnante brasiliana che opera in una scuola elementare di Salvador ed un’altra a Ruy Barbosa, sede della diocesi locale. Dal 2010 è poi attiva una collaborazione con il Centro Missionario Diocesano di Reggio Emilia che permette ai ragazzi di Casalgrande di partecipare a missioni nello stato del Bahia.

La novità è rappresentata dalla collaborazione con la “Casa don Puglisi” di Modica provincia di Ragusa. Nella Casa si attivano percorsi inclusivi che coinvolgono mamme con
figli, singoli, nuclei familiari con difficoltà, sostenute tramite diverse attività. Nei banchetti dell’associazione casalgrandese saranno in vendita cioccolate prodotte dal laboratorio dolciario artigianale “Casa Don Puglisi”, a base della famosa cioccolata di Modica. (adr.ar.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik