Quotidiani locali

Dal Miur sei milioni per la sicurezza degli edifici scolastici

Val d’Enza, Bibbiano è il Comune che riceverà più soldi I sindaci: «Un risultato storico grazie al lavoro di squadra»

VAL D’ENZA. Ammontano a quasi un terzo del totale del maxi stanziamento del Miur i finanziamenti destinati alla messa in sicurezza dell’edilizia scolastica della Val d’Enza: per ben 6.127.920 euro complessivi. Ed è comprensibile la soddisfazione e l’entusiasmo espressi dai rappresentanti delle amministrazioni locali: è «un risultato storico», frutto del «lavoro di squadra dei vari livelli amministrativi», con un «ruolo determinante della Provincia nelle varie fasi tecniche», è il commento unanime. Per tutti la scuola è una priorità, tanto che in diversi casi sono già stati avviati dei cantieri.

Al Comune di Bibbiano va la fetta più cospicua del finanziamento statale con 1.600mila euro destinati alla primaria “Secchi” e 552mila euro per le scuole medie Alighieri. Il sindaco Andrea Carletti afferma: «Queste risorse ci permetteranno di finire opere già intraprese per rendere le nostre scuole più sicure, belle e accoglienti. In estate avevamo già concluso con risorse comunali un intervento di miglioramento sismico delle medie e della palestra. I finanziamenti statali ci consentiranno di terminare gli interventi senza ricorrere a mutui. Nella scuola primaria ci permetteranno un ampliamento e il miglioramento sismico ed energetico».

All’ampliamento e messa in sicurezza dell’esistente della scuola dell’infanzia “Papa Giovanni XXIII” di San Polo andranno 252mila euro. Per la primaria “Sabin” di Praticello di Gattatico sono invece stati finanziati 200mila euro: per l’adeguamento sismico e il ripristino della funzionalità di parte dell’edificio.

A Sant’Ilario arriveranno 339.020 euro per la scuola d’infanzia Fiastri e 565.400 euro per la primaria Calvino. Il sindaco Marcello Moretti: «Siamo già pronti per il futuro con la nuova programmazione 2018-20 ed a tale proposito ho incontrato proprio nei giorni scorsi i tecnici del Ministero, in modo da chiudere il mandato avendo riqualificato/ampliato tutto il patrimonio scolastico locale».

A Cavriago spettano 450mila euro per il complesso scolastico Le Betulle (che comprende scuola dell’infanzia e nido) e 700mila euro per la scuola secondaria di primo grado Galileo Galilei. Da poco il Comune ha incassato l’escussione della fideiussione per i lavori nella scuola primaria Rodari. «Questi finanziamenti ci consentiranno di completare un generale percorso di messa in sicurezza del patrimonio dell’edilizia scolastica – dice l’assessore Giancarlo Grassi – che altrimenti avrebbe richiesto tempi molto più lunghi e premiano la nostra scelta di privilegiare la ristrutturazione dell’esistente». A Quattro Castella vanno due tranche di 570mila euro e 449.500 euro per la scuola media Balletti. «Dopo l’intervento con nostre risorse già messe a bilancio per la palestra, ora andremo ad approvare un unico progetto – spiega l’assessore Alessandra Rompianesi – con l’obiettivo di aprire i cantieri in estate».

«Il Miur ci ha concesso 330mila euro per la seconda parte dei lavori
della scuola ex Zannoni, completeremo la parte bassa con nuovi laboratori – spiega il sindaco di Montecchio Paolo Colli – Inoltre noi siamo stati gli unici ad ottenere finanziamenti per la messa in sicurezza dei solai: 120 mila euro».

©RIPRODUZIONE RISERVATA



TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro