Quotidiani locali

Vai alla pagina su 'Ndrangheta
$alttext

La denuncia del pentito Valerio «Sono spariti i miei indumenti»

«Non ho nulla per cambiarmi, sono cinque giorni che porto la stessa roba». La protesta arriva – in videoconferenza – dal pentito Antonio Valerio che fatica a mantenere la calma mentre racconta quello...

«Non ho nulla per cambiarmi, sono cinque giorni che porto la stessa roba». La protesta arriva – in videoconferenza – dal pentito Antonio Valerio che fatica a mantenere la calma mentre racconta quello che gli sta accadendo, mentre dalle “gabbie” ironizzano e rumoreggiano contro il collaboratore di giustizia (non è certo “amato” fra i detenuti di Aemilia da quando li ha messi tutti nel mirino con le sue rivelazioni) costringendo il presidente Francesco Caruso a suonare insistentemente la campanella per riportare l’ordine nell’aula-bunker. «Al momento la mia è solo una denuncia verbale – spiega Valerio – ma da quando sono stato trasferito (da una località segreta ad un’altra, ndr) non mi hanno dato o mi hanno portato via gli indumenti. Non mi sono stati consegnati neppure due libri a cui
tengo molto ed è stata spaccata la mia borsa». Parole che non sono rimaste lettera morta, perché il presidente Caruso ha subito preso posizione: «Invito la direzione del luogo in cui Valerio è ristretto di verificare quanto descritto dallo stesso e fornire alla Corte una relazione».


TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon