Quotidiani locali

Ancora tanti eventi dedicati alla natività

Tanti i presepi allestiti fino all’Epifania (e oltre) anche nella Bassa e nella Val d’Enza

REGGIO EMILIA.. Natale è già passato ma se vi sentite in colpa per aver mangiato troppo pandoro o panettone, una buona idea è quella di fare un bel tour di presepi. Siete ancora in tempo. Sono ancora tante le iniziative sparse per la provincia. E quest’anno la maggior parte di queste dureranno fino a metà gennaio. Presepi viventi, artistici, tradizionali, moderni: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ecco qualche possibile meta tanto in montagna quanto nella Bassa e in Val d’Enza.

REGGIOLO. Fino al 7 gennaio, nella tensostruttura di piazza Martiri si svolge la tradizionale Mostra di presepi che raccoglie le creazioni, prevalentemente di stile classico, di 60 artisti di tutta la provincia reggiana. Le migliori natività verranno premiate il 7 gennaio in piazza Martiri.

BRESCELLO. Il presepe della solidarietà. Dalla Galleria Parmeggiani di Reggio Emilia, il presepe napoletano del ’700 di Salvatore Carulli (un insieme di creazioni realizzate dallo stesso Salvatore oltre che da Antonio Bianchi, Michele Sassi e Massimiliano Birra) è stato trasferito nella chiesa di Brescello. Le donazioni dei visitatori saranno devolute agli alluvionati di Lentigione. Visitabile tutti i giorni con orari: 7.30-12.30 e 15-19.

LENTIGIONE. Il 24 dicembre riapre, dopo l’emergenza alluvione, il tradizionale maxi-presepe nell’ex stalla comunale di strada Imperiale.

RIO SALICETO. Fino all’8 gennaio è visitabile il presepe di San Lodovico, sulla strada provinciale che collega Correggio a Rio Saliceto. Rappresentazione all’aperto con personaggi a misura d’uomo.

SAN MARTINO IN RIO. Alla rocca estense, fino al 7 gennaio si potrà visitare la tredicesima Festa dei presepi. Aperto sabato, domenica e festivi 10-12.30 e 15-18.30.

SAN POLO. Fino al 6 gennaio nella torre dell’orologio è visitabile la mostra dei presepi in torre. Si potrà anche partecipare al gioco “Caccia al presepe”.

QUATTRO CASTELLA. Due presepi nel salone accanto alla chiesa di Rocolo: oltre al celebre presepe di Gianni Pergreffi, intitolato “Il Presepe Orientale”, fino al 14 gennaio (15-18 nei prefestivi; ore 11-12.30 e 15-18 nei festivi) sarà esposto anche “L’antico mondo agricolo”, ovvero il presepe realizzato da Celso Lumetti con le pannocchie di granoturco raccolte nei campi dopo la trebbiatura.

SALVARANO. Fino al 14 gennaio è visitabile la mostra “Il sentiero dei presepi” all’eremo dedicato a San Michele Arcangelo.

MONTECCHIO. Fino al 7 gennaio, a Villa Aiola c’è “Camminando tra i presepi”, un percorso tra le vie del paese. Il 30 gennaio camminata a lume di candela, con partenza dalla chiesa (ore 17) e arrivo al Museo etnografico “La Barchessa”. Info: 377-1483058.

CANOSSA. Fino al 12 gennaio, a Cerezzola di Canossa si potrà ammirare il presepe a grandezza naturale allestito dall’associazione “Amici di Cerezzola”: un percorso a piedi tra capanne, luci e incantevoli scorci. Info: www.cerezzola.it.

GATTATICO. Presepi artistici a Taneto e a Olmo nelle rispettive canoniche.

BAISO. Presepi in vetrina fino al 7 gennaio. Esposte le natività di alcuni tra i principali presepisti reggiani tra cui Antonio Pigozzi, Pellegrino De Risi, Pierluigi Melegari,
Ferruccio Giuliani.

CASINA. A Bergogno, tutte le domeniche e i festivi fino al 7 gennaio(dalle ore 14), “Presepi nel borgo”.

TOANO. Mostra di presepi sotto il campanile a Corneto di Toano. Aperto tutti i gironi 9.30-12.30 e 15-18 fino al 6 gennaio.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik