Quotidiani locali

Treno cancellato, c’è il bus Nessuno avvisa gli utenti

Scandiano, corsa della Reggio-Sassuolo annullata per carenza di personale Un pendolare: «Torno all’auto, però se venisse istituito un “9 bis” lo userei»

SCANDIANO. Treni soppressi senza avvisi quando ormai la sera si avvicina e restano tante incertezze sul servizio. Dopo un periodo relativamente tranquillo, tornano ad emergere diversi problemi sui collegamenti ferroviari lungo la linea Reggio-Sassuolo, utilizzata da tanti utenti-pendolari, studenti e non solo, di tutta la zona ceramiche. Lunedì sera il treno che alle 18.45 parte dalla stazione di Reggio Emilia è stato soppresso nello stesso pomeriggio, senza che gran parte dei viaggiatori ricevessero notizie né sull’annullamento della corsa, né sulla presenza di un trasporto sostitutivo in corriera. A raccontarlo è un abbonato che ogni giorno usa il treno per andare a lavorare a Reggio.

Usa o userebbe, per meglio dire: «Dopo l’ultimo disagio di lunedì, ho deciso di prendere la macchina, ma non è certo comodo, specie in questi giorni natalizi in cui il traffico è intensissimo. Di sicuro non favoriamo l’ambiente, e comunque io questo servizio l’ho già pagato», spiega.

Lunedì il treno del ritorno «era presente, ma completamente buio, e quando si è avvicinata l’ora di partenza mi sono insospettito e ho chiesto al personale della stazione. Mi hanno detto che la corsa era stata cancellata per “carenza di personale” e che c’era una corriera sostitutiva di fronte alla stazione. Io sono riuscito a prenderla e ho avvisato le altre persone che aspettavano al mio fianco, ma tanti pendolari sono rimasti a piedi».

Sì, perché di comunicazione ufficiali non se ne sono viste: «Non c’era scritto nulla in stazione, né sul binario. Oltretutto, il binario per le corse locali è l’ultimo, il più lontano; non è nemmeno comodo trovare personale e notizie. Io sono stato fortunato, ma altri si sono dovuti arrangiare; magari hanno dovuto chiamare i famigliari. Non lo trovo corretto. La corriera c’era, ci mancherebbe, ma se mettono il servizio sostitutivo senza avvisare a che cosa serve? Tante persone che viaggiano coi miei orari sono rimaste bloccate a Reggio».

La sfortunata coincidenza, per il pendolare, evidenzia un problema più grande: «Sulla linea Reggio-Sassuolo la qualità è in calo. Al mattino molti vagoni sono sporchi e non si capisce mai se chi viaggia ha il biglietto, se ci sono controlli. E di disagi ce ne sono già stati diversi, tanto che io ho deciso, per qualche giorno, di riprendere la macchina e viaggiare così».

Le soluzioni? Viste le difficoltà sul trasporto a rotaia – certo non legate solo alla Reggio-Sassuolo – per il pendolare si potrebbe pensare a potenziare le corse dei bus urbani: «Basterebbe prolungare fino a Scandiano alcune corse della linea 9, quella che adesso arriva sino a Fogliano. Io mi muovo tanto, ci sono altre linee urbane che escono dai confini verso piccoli paesi. Perché non fare un
“9 bis” sino a Scandiano, un Comune con quasi 25mila abitanti? Sono sicuro che lo userebbero tantissime persone. Io sono una di quelle. Se ne parla da tanto, ma poi non ci sono mai novità concrete, e intanto si verificano i problemi con le corse in treno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro