Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Colto da un malore in auto Il pm dispone l’autopsia

Montecchio: Matteo Gravante è stato trovato in fin di vita da un passante Il 50enne di Sant’Ilario si era fermato a lato della strada con le 4 frecce accese

MONTECCHIO . È stato trovato in fin di vita in piena notte sul bordo della strada tra Montecchio e Sant’Ilario, nei pressi del frantoio. A fare la terribile scoperta è stato un uomo residente in zona che passava sul posto e che ha chiamato i soccorsi. Da subito, però, le condizioni dell’uomo nell’auto sono apparse critiche: è morto infatti poco dopo.

Si tratta di Matteo Gravante – già noto alle cronache per alcune vicende personali – che mercoledì sera stava probabilmente rientrando verso cas ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTECCHIO . È stato trovato in fin di vita in piena notte sul bordo della strada tra Montecchio e Sant’Ilario, nei pressi del frantoio. A fare la terribile scoperta è stato un uomo residente in zona che passava sul posto e che ha chiamato i soccorsi. Da subito, però, le condizioni dell’uomo nell’auto sono apparse critiche: è morto infatti poco dopo.

Si tratta di Matteo Gravante – già noto alle cronache per alcune vicende personali – che mercoledì sera stava probabilmente rientrando verso casa quando probabilmente ha accusato un malore improvviso che non gli ha lasciato scampo.

La richiesta d’aiuto è giunta al 118 poco dopo mezzanotte: sul posto è giunta l’ambulanza con l’automedica, seguite dai carabinieri della stazione di Montecchio Emilia.

Ad attirare l’attenzione è stata l’auto dell’uomo, ferma ai bordi della strada con le quattro frecce lampeggianti (forse accese proprio come grido d’aiuto da parte di Gravante), sulla strada Montecchio Sant’Ilario.

In molti hanno visto la vettura ferma, finché qualcuno ha deciso di fermarsi per capire di cosa si trattasse. La portiera dalla parte conducente era rimasta aperta e l’uomo era caduto per terra.

All’arrivo del primo soccorritore, le sue condizioni sono parse subito disperate. Matteo Gravante respirava ancora ma a fatica, lottando tra la vita e la morte. L’uomo, originario di Aversa ma residente a Sant’Ilario, è stato portato d’urgenza all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio. I tentativi di rianimarlo sono stati però inutili.

L’automobilista si è spento durante la corsa verso l’ospedale di Reggio.

I primi accertamenti medici escludono la morte violenta; si dovrà però accertare l’esatta causa del decesso. Visto il luogo del ritrovamento e le circostanze, il sostituto procuratore Claudio Santangelo ha disposto l’autopsia per fugare ogni possibile dubbio.

A un primo accertamento non sembrano esserci segni che possano indicare una ragione diversa rispetto alla morte naturale o per qualche patologia.

Sul posto, nella notte tra mercoledì e ieri, sono intervenuti i militari di Montecchio, coordinati dal comandante Carlo Chiuri, che hanno effettuato i primi accertamenti per accertare quanto era accaduto. (da.al)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.