Quotidiani locali

IL COMPLEANNO 

Festa con canti partigiani per i 90 anni di Notari

REGGIO EMILIA. Una vita in prima linea. Ieri pomeriggio l'ex presidente dell'Anpi Giacomo Notari ha festeggiato 90 anni in un momento collettivo organizzato da amici e parenti proprio nella storica...

REGGIO EMILIA. Una vita in prima linea. Ieri pomeriggio l'ex presidente dell'Anpi Giacomo Notari ha festeggiato 90 anni in un momento collettivo organizzato da amici e parenti proprio nella storica sede dell’Anpi in via Farini. Ad omaggiare il partigiano nato a Marmoreto di Busana c'erano la moglie Elsa e le figlie, altri partigiani di Reggio Emilia, tanti conoscenti e parecchie autorità. Il padrone di casa Ermete Fiaccadori, erede di Notari a capo dell'Anpi, il sindaco Luca Vecchi, la presidente e il vicepresidente di Istoreco Simonetta Gilioli e Matthias Durchfeld, la vicepresidente dell'Auser Vera Romiti e soprattutto un gruppetto di coetanei del festeggiato: Giacomina Castagnetti, Giovanna Quadreri, Teobaldo Borciani e Francesco Bertacchini, una squadra di partigiane e partigiani tutta over 90 che ha accolto Notari nel club dei nove decenni. È stata un'ora abbondante di ricordi, di applausi, di canti con il Coro Selvatico che ha intonato ballate partigiane e politiche, di scherzi e risate prima della torta e dell'immancabile brindisi. Tutto in onore di una persona che da oltre 70 è protagonista attivo della vita reggiana.

Nato in una famiglia di contadini cattolici, Notari entra nelle file partigiane a 16 col nome di battaglia Willy, perde un fratello durante la guerra e, finito il conflitto, diventa un dirigente del Pci montano. È stato sindaco di Ligonchio, ha avuto ruoli da amministratore in Comunità Montana e in Provincia per poi prendere le redini dell'Anpi dopo Giuseppe Carretti. Notari ha guidato il passaggio dell'associazione partigiana nella fase concreta della sua inevitabile trasformazione dettata dall'anagrafe, con il progressivo calare dei partigiani presenti “sostituiti” e affiancati da militanti di nuove generazioni. Quasi due anni fa Notari ha deciso di passare la mano e al suo posto è stato scelto Fiaccadori, primo presidente “non partigiano”
della realtà reggiana. Da decenni è uno dei principali testimoni attivi in provincia sui fatti della seconda guerra mondiale, nel tempo ha incontrato migliaia di studenti parlando della sua esperienza, raccontata anche nel libro “Hai un cuore forte, puoi correre”. (adr.ar.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik