Quotidiani locali

Dalla Digos alle commissioni contro la camorra

Antonio Sbordone è il questore di Reggio Emilia dallo scorso 22 novembre. Per lui si tratta del secondo incarico come questore, dopo la promozione ricevuta a gennaio 2015 alla guida della polizia di...

Antonio Sbordone è il questore di Reggio Emilia dallo scorso 22 novembre. Per lui si tratta del secondo incarico come questore, dopo la promozione ricevuta a gennaio 2015 alla guida della polizia di Ferrara. Il nuovo dirigente, 54 anni e laureato in giurisprudenza, inizia la sua carriera come poliziotto nel 1987 nel VI reparto mobile di Genova. Tre anni dopo però, nel 1990, torna a Napoli, sua città natale, dove trascorre circa 20 anni alla Digos, l’ufficio di polizia che gestisce indagini anche in relazione asl terrorismo. Sbordone si distingue a tal punto come una delle più apprezzate intelligenze investigative che dal 2005 al 2010 dirige in prima persona la Digos partenopea stessa, fino a quando non riceve la promozione a questore vicario di Pesaro per poi passare a questore vicario di Salerno, incarico che ha ricoperto fino all’estate 2014. Alla guida della Digos, Sbordone ha raggiunto diversi risultati fra i più importanti della sua carriera, guidando numerose operazioni dai reati contro la pubblica amministrazione all’antiterrorismo
interno e internazionale. Un impegno, quello contro la criminalità organizzata, che si è fatto sentire anche quando ha ricoperto il ruolo di membro della commissione straordinaria per la gestione del Comune di Torre Annunziata, sciolto per infiltrazioni camorristiche.


TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista