Quotidiani locali

Al vaglio le tracce di sangue e la deposizione di un altro testimone

Il 14 dicembre il Ris di Parma potrà offrire al sostituto procuratore Valentina Salvi un primo riscontro sulle tracce di sangue raccolte sulle scale del palazzo dove è stato ucciso Francesco Citro....

Il 14 dicembre il Ris di Parma potrà offrire al sostituto procuratore Valentina Salvi un primo riscontro sulle tracce di sangue raccolte sulle scale del palazzo dove è stato ucciso Francesco Citro. Non solo: queste verranno incrociate con i risultati delle ricerche effettuate sui vestiti di Giampaolo Dall’Oglio, indagato per l’omicidio così come per l’incendio dell’auto. Oltre alle tracce ematiche, verrà valutata la presenza di polvere da sparo, sempre sui vestiti di Dall’Oglio, oltre che sugli oggetti sequestrati in queste ultime ore in casa sua. Oltre alla moglie di Dall’Oglio, ormai testimone-chiave contro il marito, la Procura ha un altro asso in mano. Si tratta di un altro testimone che avrebbe visto un uomo fuggire dalla scena del delitto dopo gli spari. Il testimone, però, non lo ha visto in faccia, riducendo il valore del racconto. A Reggiolo e a Villanova sono state impiegati molti uomini delle forze dell’ordine per cercare l’arma del delitto nella palazzina dove abitavano
sia Citro con la moglie e i due figli, sia il presunto killer. In via Papa Giovanni XXIII non è stato trovato nulla, e le unità cinofile dell’Arma dei carabinieri usate nei giorni scorsi non avrebbero offerto per ora la svolta investigativa attesa sull’occultamento della pistola.


TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista