Quotidiani locali

Minacce col coltello per il divieto di fumo

Denunciato un 48enne di Campagnola: ha puntato l’arma dopo l’invito a non accendere la sigaretta nel bar “Della Stazione”

NOVELLARA. Quanto si sia esposti all’ordinaria follia lo dicono episodi come l’ultimo avvenuto a Novellara ai danni di un esercente, che, nel compiere il suo quotidiano lavoro, si è ritrovato con un coltello della lunghezza di 18 cm – di cui 8 di lama – puntato alla faccia. E questo per il solo fatto di avere invitato un cliente a non fumare nel suo locale.

A minacciarlo infatti non è stato il “solito” malvivente e rapinatore, ma un avventore, uno come tanti, probabilmente, che il barista ha visto entrare e uscire dal suo locale.

Forse un mix tra alcol e dipendenza frustrata dal gioco d’azzardo o semplicemente l’indole violenta e rancorosa hanno armato la mano dell’uomo, un 48enne di Campagnola Emilia, che, alla fine, è stato bloccato e denunciato dai carabinieri della stazione locale per i reati di minaccia e porto abusivo di arma. È finita bene, dunque, e per fortuna, la disavventura capitata al gestore del bar “Della Stazione”, che poco o nulla ha a che fare con la stazione ferroviaria, ma che ogni giorno, proprio per la presenza della vicina fermata dei treni, oltre ai clienti abituali vede entrare nel suo locale diversi pendolari.

I fatti risalgono ad alcune sere fa quando il 48enne è entrato nel bar e ha chiesto da bere. Con il bicchiere di vino in mano è poi entrato nella sala slot dove si presume abbia iniziato a giocare con le macchinette. Forse indispettito dall’ennesima perdita di soldi l’uomo ha poi gettato a terra il bicchiere ed è uscito dal bar.

Ma la pulizia del pavimento per quel bicchiere scaraventato sul pavimento, per il gestore del locale, non è stato, purtroppo, il solo fuori programma. Poco dopo infatti il 48enne ha fatto la sua ricomparsa nel locale ed è tornato a entrare nella sala slot dove ha pensato bene di accendersi una sigaretta.

È stato a questo punto che il barista lo ha invitato a uscire, dal momento che la legge vieta di fumare all’interno degli esercizi pubblici.

All’invito il cliente ha reagito in un primo momento seguendo le indicazioni del barista, uscendo per terminare all’esterno la sua sigaretta.

Ma, evidentemente, indispettito dal comportamento dell’esercente, il 48enne con il fumo ha alimentato pure il rancore e la rabbia.

Terminata la sigaretta l’uomo è nuovamente rientrato nel bar, ma questa volta non si è diretto alla sala slot. Ha bensì eseguito una vera e propria irruzione, raggiungendo il barista dietro al bancone.

Contrariato per essere stato messo alla porta l’uomo ha scaraventato per aria il cestino dei rifiuti gettando verso il barista il coperchio.

Quindi
dopo aver estratto un coltello a serramanico dalla tasca lo ha brandito minacciando l’esercente. L’immediato arrivo dei carabinieri ha poi permesso di riportare la situazione alla calma. Il 48enne è stato denunciato e il coltello sequestrato. (m.f.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista