Quotidiani locali

Fabbrico 

Il consiglio approva la mozione a favore dello “Ius soli”

FABBRICO. Il consiglio comunale di Fabbrico, nel corso della seduta di mercoledì scorso, è stata approvata una mozione per sostenere una rapida approvazione della riforma della legge sulla...

FABBRICO. Il consiglio comunale di Fabbrico, nel corso della seduta di mercoledì scorso, è stata approvata una mozione per sostenere una rapida approvazione della riforma della legge sulla cittadinanza, meglio conosciuta come “Ius Soli”. Il gruppo di minoranza "Riviamo Fabbrico" ha abbandonato l'aula.

Il testo scritto a quattro mani, voluto e condiviso dai gruppi consiliari “Democratici per Fabbrico” e “Sinistra per Fabbrico”, oltre a contenere informazioni di carattere generale e la formale richiesta di un forte impegno da parte dei parlamentari reggiani e delle maggiori istituzioni nazionali all’approvazione al Senato della legge già approvata alla Camera dei deputati, fotografa in maniera puntuale la situazione degli stranieri residenti a Fabbrico che potrebbero potenzialmente beneficiare della riforma.

Inoltre il testo chiede un forte impegno da parte del sindaco e della sua giunta, nel promuovere iniziative e momenti di discussione sul tema, già a partire dal 2018, inserendole all’interno del calendario del “Percorso della memoria 2018” che quest’anno vedrà, oltre alla storica e consolidata partecipazione dei comuni di Fabbrico e Rolo, anche l’allargamento a Campagnola Emilia e Rio Saliceto, dando vita ad un calendario di iniziative diffuso su tutti e quattro i territori.

«Unico neo – commenta Dario Vioni assessore alla comunicazione, sport, relazioni
pubbliche, servizi al cittadino e al commercio – in una bella serata in cui si è discusso di democrazia, uguaglianza, diritti e doveri, l’uscita dalla sala del consiglio, del gruppo di minoranza “Riviviamo Fabbrico”, che si è sottratto volontariamente al dibattito». (m.p.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista