Quotidiani locali

Giusi Nicolini nella nuova direzione del Pd

L’ex sindaca di Lampedusa componente esterna nell’organismo della federazione reggiana

REGGIO EMILIA . La Direzione provinciale del Pd si apre all’ingresso di esponenti esterni con la nomina dell’ex sindaco di Lampedusa e premio Unesco per la Pace, Giusi Nicolini, e di Salvo Ognibene, autore di una ricerca e di uno studio sulla criminalità organizzata. Assieme a loro, all’unanimità l’assemblea provinciale Pd lunedì sera ha eletto anche Enza Grillone, Marco Scarpati e Oreste Zurlini, che con i 65 eletti dei circoli e i 18 membri di diritto vanno a comporre la nuova direzione.

L’assemblea Pd che si è svolta al circolo Pigal ha poi eletto la Commissione di Garanzia e la nuova segreteria provinciale composta da 14 elementi, oltre al segretario provinciale Andrea Costa. Otto coloro che fanno riferimento all’area Renzi e sei quelli che rappresentano Orlando. Per i renziani ci sono il vicesegretario, Andrea Tagliavini (si occuperà di Enti locali ed elezioni amministrative), Massimo Gazza (circoli Pd e le feste di partito), Giacomo Bertani (Economia e Lavoro), Alessio Mammi (Mobilità e Infrastrutture), Tania Tellini (Ambiente), Maura Manghi (Sicurezza e legalità), Vanna Iori (Minori, disabilità, istruzione), Leana Pignedoli (Agricoltura, montagna, risorse idriche). Gli esponenti orlandiani sono invece: Emanuele Cavallaro (Comunicazione), Valeria Montanari (Innovazione e Terzo settore), Matteo Panari (Organizzazione e tesseramento), Matteo Nasciuti (Immigrazione e integrazione), Antonella Incerti (Diritti, Pari opportunità) e Martina Sforacchi (Cultura e Formazione). Invitati permanenti della segreteria sono poi il tesoriere Maino Marchi, il segretario dei Giovani Dem Luca Bonacini, il coordinatore dei circoli Pd della Montagna Guido Tirelli e il segretario Pd cittadino (che sarà eletto a breve). L’assemblea ha poi approvato all’unanimità un documento a favore dello Ius soli temperato, uno a favore del biotestamento e un documento di condanna contro i femminicidi. Il segretario Costa ha poi parlato dell’omicidio avvenuto nei giorni scorsi a Reggiolo, sottolineando che «il contrasto alla criminalità deve essere una priorità». Da ultimo è tornato sulla vicenda dei prestiti dei soci alle cooperative
e alla colletta da 7 milioni di euro annunciata da Legacoop, per affermare che «è un intervento per i quale passa un pezzo di fiducia verso la cooperazione la politica» e ha condannato gli episodi di neofascismo che si sono manifestati a Scandiano e Castelnuovo né Monti. (r.f.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista