Quotidiani locali

Cena di Boorea, obiettivo 700 commensali

Correggio, mercoledì nel salone delle feste di via Fazzano il tradizionale appuntamento benefico 

CORREGGIO. Ultimi giorni per prenotare un posto a tavola alla grande cena di Boorea, in programma mercoledì 29 novembre (a partire dalle 20) al salone delle feste di via Fazzano. Il più importante evento di solidarietà e buona cucina dell'anno, organizzato da Boorea e Auser, propone un format inossidabile: sei chef di fama indiscussa, un menù che celebra il territorio, oltre 100 volontari e un traguardo benefico da raggiungere insieme. Un momento di comunità che per il 18esimo anno coinvolge centinaia di persone e moltissime associazioni, imprese e istituzioni emiliane.

L'obiettivo dell'edizione 2017 è accogliere a tavola oltre 700 persone e raggiungere i 20mila euro di incasso, che saranno devoluti a sostegno di alcuni importanti obiettivi di solidarietà, tra progetti umanitari internazionali e sul territorio italiano. La grande cena permetterà di contribuire al supporto farmacologico e al reinserimento sociale degli ammalati indigenti dell’ospedale psichiatrico di Ambokala, presso Manakara nel sud del Madagascar, sostenendo le attività del Centro Missionario Diocesano di Reggio Emilia e di Reggio Terzo Mondo. Inoltre, con il progetto #Gocciaagoccia di Gvc, si assicurerà l’acqua potabile a oltre 2800 studenti di Aleppo in Siria, attraverso l’installazione di una serie di cisterne da 10mila litri nelle scuole della martoriata città siriana. Una parte dei fondi ricavati dalla grande cena sarà destinata all’asilo parrocchiale di Finale Emilia, distrutto dal terremoto del 2012, la cui ricostruzione non è ancora terminata. Un aiuto andrà anche ai monaci benedettini di Norcia, che li destineranno alla ricostruzione dopo il sisma del 2016. La serata offrirà un sostegno concreto alla storica Libreria del Teatro, un luogo simbolico per la cultura a Reggio che rischia di scomparire. La grande cena infine sostiene le attività e i progetti della Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi Cistica di Verona. Nelle 17 edizioni precedenti, grazie agli oltre 10mila ospiti e ai più di 1000 volontari mobilitati, sono stati raccolti oltre 300mila euro, interamente destinati a progetti di solidarietà in Brasile, Cambogia, Madagascar, Palestina, Romania, Bolivia, Argentina, nonché alle comunità emiliane colpite dal terremoto 2012.

Il menu della cena quest'anno è affidato a sei talenti della cucina, coadiuvati dalle rezdore di Correggio, dal team della Gnokkeria di San Martino in Rio e da decine di volontari Auser. Con una guest star: nei giorni scorsi ha annunciato la sua presenza alla cena il maestro Luciano Tona, direttore della Bocuse d’Or di Alba e già direttore di Alma, la scuola internazionale di Gualtiero Marchesi. Lo chef è stato conquistato dalle rezdore di Correggio e ha deciso di unirsi al “dream team” della grande cena. New entry d’eccezione dell’edizione 2017 è Fabrizio Albini, executive chef del ristorante The Stage di Milano.

Tra gli antipasti della cena spicca la pizza dell’eccellenza emiliana a cura di Giovanni Mandara, rockstar della pizza gourmet e istrionico titolare della Piccola Piedigrotta di Reggio. A seguire, lo sformato di zucca in crema di Parmigiano Reggiano e foglia di verza essiccata, con le zucche cappello del prete dell'azienda agricola Zanelli e gocce di balsamico tradizionale reggiano, preparato da Giovanna Guidetti dell’Osteria La Fefa di Finale Emilia, tra gli chef più apprezzati della provincia di Modena. Gran finale con la Coppa ma non d’oro di Stefania Lombardi della Locanda Piera di Busana e il Panpera ai profumi
d’inverno a cura di Isa Mazzocchi, chef stellata del ristorante La Palta di Bilegno (Piacenza), tappa obbligata per tutti i veri gourmand. Il costo della cena è di 30 euro. Info e prenotazioni: 0522/ 367685 - 0522/299256 - 335/ 8051640 - 0522/636714 - 0522/ 630711 e boorea@boorea.it

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista