Quotidiani locali

Aggredito dal lupo, indaga anche il Parco

Villa Minozzo, accertamenti sull’episodio di Gazzano. Mulè: «Porterò il caso all’Europarlamento»

VILLA MINOZZO. Anche il personale del Parco dell’Appennino Tosco Emiliano ha disposto accertamenti sul caso del cacciatore che ha raccontato di essere stato aggredito da un lupo a Gazzano di Villa Minozzo. La polizia provinciale, come riferito ieri, si è recata sul posto e ha prelevato alcuni campioni biologici, sangue e peli, che saranno analizzati dal Wolf Apennine Center. Oggi anche un dipendente del Parco incontrerà il 37enne che ha raccontato di aver messo in fuga a badilate un lupo.

Da anni il Parco si occupa del monitoraggio dei branchi e cerca anche di risolvere i problemi che il ritorno di questi predatori sta provocando. Ad esempio sono stati aiutati gli allevatori del Crinale ad adottare sistemi per mettere al sicuro il bestiame, recinzioni ma anche i classici cani da pastore. Il fatto di Gazzano merita un approfondimento particolare perché le aggressioni dei lupi all’uomo sono un fatto rarissimo, e nel nostro Appennino non se ne ha notizia da molto tempo.

Intanto Luca Mulè, consigliere comunale di Vezzano e coordinatore provinciale di “Direzione Italia”, è intervenuto sulla vicenda: «Dato che non sono pervenute, ad oggi, azioni concrete che possano soddisfare i cittadini in termini di sicurezza per la propria incolumità personale ed economica ho deciso di interrogare l'Unione Europea
per far luce su una tematica che non può più essere sottovalutata. Ho personalmente interpellato l’europarlamentare Remo Sernagiotto per presentare questo documento, con l'obiettivo di fornire risposte ai cittadini reggiani che attendono da tempo soluzioni».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista