Quotidiani locali

Viene condannato a 6 anni per oltre 9 chili di eroina

Pakistano 51enne residente a Boretto era stato fermato all’aeroporto di Venezia Stava tornando dal suo paese con un ingente carico di stupefacenti nella valigia

BORETTO. In valigia aveva 9,3 chili di eroina, pari a 184mila dosi singole. Era partito dal Pakistan e doveva arrivare a Venezia. Fuori dall’aeroporto di Tessera gli avevano spiegato che sarebbe stato riconosciuto da una persona che si sarebbe fatta avanti con una parola chiave: “Call me ciacia”, ovvero “Chiamami zio” in un mix tra inglese e pakistano.

Ieri Irfan Hafeez, pakistano di 51 anni residente a Boretto, difeso dall’avvocato Gaio Tesser, è stato condannato a 6 anni di reclusione dal giudice per l’udienza preliminare David Calabria.

Il pubblico ministero Raffaele Incardona aveva chiesto otto anni per l’imputato, che continuerà a scontare la pena nel carcere di Santa Maria Maggiore, dove è detenuto dopo l’arresto avvenuto alla fine di febbraio.

Durante l’udienza, il 51enne ha raccontato di essere partito per il viaggio dal Pakistan in aereo e di aver fatto scalo ad Abu Dhabi ed Amsterdam prima di arrivare al Marco Polo di Tessera. Per il trasporto del carico di eroina, Irfan Hafeez sarebbe stato ricompensato con 8.000 euro. Ha detto di non sapere che nella valigia c’era il carico di stupefacente. Chi gli aveva consegnato il bagaglio, gli aveva detto che all’interno c’erano genericamente «cose preziose». E il 51enne ha sostenuto davanti al giudice di non aver aperto la valigia per vedere effettivamente cosa stesse trasportando. Il pakistano era stato intercettato degli uomini della Guardia di Finanza in servizio a Tessera appena aveva messo piede sul suolo italiano.

Evidentemente le Fiamme gialle avevano qualche sospetto, e così hanno fatto scattare
il controllo: prima avevano chiesto all’uomo cosa avesse nel bagaglio, poi con chi l’avesse fatto e se per caso lo avesse perso di vista durante il viaggio. Quindi era scattata la perquisizione: nel doppiofondo della valigia era saltato fuori il carico di droga.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista