Quotidiani locali

Il nuovo asilo nido è realtà Nasce il polo per i bambini

Viano, la struttura ospita già 20 bambini e si unisce alla scuola dell’infanzia Grazie all’Elettric80 aumentano le giovani coppie che abitano nella collina

VIANO. Un nuovo asilo nido per venti piccolissimi ospiti, da affiancare alla scuola materna. Domenica, in occasione della sentitissima festa del tartufo, a Viano sarà inaugurato il secondo stralcio del progetto da due milioni di euro avviato sei anni fa su un polo scolastico per l’infanzia. Nel complesso di via Roma, nella zona che dal centro del paese risale verso il municipio e verso la strada per Regnano, verrà aperto ufficialmente anche il nido, già attivo dall’inizio dell’anno scolastico. Si unisce alla scuola materna, che può ospitare una cinquantina di bambini, e alle cucine in cui vengono preparati direttamente i pasti.

Nel nido sono ospitati sino a venti bimbi sino ai tre anni, una necessità per un paese che sta vedendo un discreto aumento di giovani famiglie. Uno dei motivi è lo sviluppo legato al gruppo Elettric80-Bema, ma non solo, che sta portando nella collina reggiana persone intenzionate a costruire in questa zona il proprio futuro.

Un dato positivo che però comporta anche con sé la necessità di strutture per l’infanzia più ampie. Per il sindaco Giorgio Bedeschi è «la chiusura di un ciclo. Sei anni fa ho inaugurato la scuola materna e ora aggiungiamo l’asilo nido, abbiamo creato un unico polo per l’infanzia con nido, materna, cucine e altre strutture, ci sembra la soluzione più funzionale e più comoda».

Il percorso nasce dal trasferimento della materna dalla zona della Corte, alla periferia del paese. «In totale è un investimento che si avvicina ai due milioni di euro. Prima abbiamo portato la materna dell’edificio di via Roma e ora ci aggiungiamo il nido in spazi moderni, larghi e molto curati», spiega Bedeschi. La vecchia “casa” dell’infanzia non verrà abbandonata, ma probabilmente cambierà utilizzo, pur rimanendo sempre in ambito pubblico: «Stiamo pensando se trasformarla in un centro per anziani o magari in una struttura per disabili gravi. Ci sono diverse valutazioni in corso, abbiamo già coinvolto l’Ausl e il distretto sanitario di Scandiano, i tecnici hanno già fatto diversi sopralluoghi. La struttura è piaciuta, il parere è positivo: ci sono spazi larghi e attorno c’è moltissimo verde, un elemento che per certe strutture è molto importante», racconta il sindaco vianese.

«Ora
vedremo cosa realizzare, faremo insieme anche una valutazione del distretto e di cosa possa servire maggiormente nel nostro contesto sociale, comunque vorremmo trasformarlo in un piccolo polo sociale già nei prossimi anni», precisa Bedeschi. (adr.ar.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista