Quotidiani locali

gattatico 

La banda della Volvo alle strette

Controlli a tappeto sui casolari abbandonati e rilievi scientifici

GATTATICO . In queste ore i carabinieri stanno analizzando le telecamere che da Taneto di Gattatico portano al casello autostradale, alla ricerca di ulteriori elementi a carico della cosiddetta “banda della Volvo”, criminali specializzati in negozi e aziende, che colpiscono in tutto il nord Italia, usando sempre una Volvo XC 90 rubata e lasciando veicoli come ostacoli per rallentare l’intervento delle forze dell’ordine.

Due di loro – anzi tre, considerato l’autista della Volvo che aveva scaricato i complici per poi proseguire – martedì scorso erano sfuggiti tra le mani ai carabinieri, che li avevano seguiti e intercettati in via Bergamina, una stradina di campagna laterale allo stradone che da Taneto porta a Gattatico. I militari li avevano seguiti e c’era stata anche una colluttazione tra un militare e un ladro in mezzo ai campi, dove gli sconosciuti erano riusciti a far perdere le proprie tracce.

Una svolta all’indagine potrà arrivare dalle analisi scientifiche dei campioni affidati al Ris: la giacca di uno dei fuggiaschi, rimasta a terra, e il rotolo di nastro adesivo rinvenuto sul posto, che potrebbe rivelare impronte digitali e saliva. Nel frattempo le verifiche dei carabinieri si stanno concentrando su più fronti. In primis sull’ultimo colpo, quello del 23 ottobre alla Snatt Logistica di Campegine, quando la banda aveva portato via migliaia di capi di abbigliamento
di marca (tra gli altri, Armani) per bambini lasciando un furgone di traverso sulla strada.

Inoltre l’Arma sta intensificando la verifica dei casolari abbandonati, impresa improba (sono tantissimi), ma che potrebbe far scoprire altri covi.

Ambra Prati

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista