Quotidiani locali

Fa sesso in chat con uno sconosciuto, poi il ricatto a luci rosse

Reggio Emilia, una 18enne reggiana minacciata dal "partner": «Se ora non lo facciamo dal vivo diffondo in rete i tuoi video e foto». La ragazza denuncia tutto alla polizia

REGGIO EMILIA. Ha commesso un terribile errore, che ora la sta facendo vivere nell’angoscia e l’ha indotta a denunciare uno sconosciuto, con il quale aveva passato una notte a scambiarsi foto e video hot attraverso la chat di whatsapp. Immagini esplicite di autoerotismo, in cui si vede persino il volto della 18enne reggiana che, dopo quei momenti di sesso “virtuale”, si è ritrovata a essere la vittima di un ricatto a luci rosse.

Tutto succede nella notte fra il 6 e il 7 ottobre quando la giovane reggiana sta chattando con un’altra ragazza, una ventenne milanese, conosciuta da pochi minuti. Entrambe “annoiate”, si lasciano andare ad autoerotismo, scambiandosi parecchi video hot e tante fotografie spinte. A un tratto, però, la milanese chiede alla 18enne se voglia conoscere un amico “ben dotato”, che a letto ci sa fare. Una volta accettato, e avuto il suo numero, la reggiana comincia a chattare con lo sconosciuto, che racconta di avere 20 anni e di essere di Milano. Anche in questo caso, avviene uno scambio di foto e video hot, con più di 60 file spediti dalla ragazza.

Sembra tutto finito ma la sera dopo il “partner” occasionale svela le proprie vere intenzioni, iniziando a ricattare l’ignara reggiana: «Fra pochi giorni vengo a Reggio – le scrive – troviamo un albergo e facciamo sesso, altrimenti metto i tuoi video erotici in rete».

Accortasi della grave imprudenza compiuta, la ragazza va nel panico e all’indomani, domenica 8 ottobre, contatta il presidente della Caramella Buona Onlus, Roberto Mirabile, suo conoscente, al quale racconta, con evidente difficoltà, quanto sta subendo proprio in quelle ore. Dati alcuni consigli urgenti (del tipo “se ti scrive o telefona in queste ore, fai finta di nulla e prendi tempo con qualche scusa”; “conserva tutte le chat e fai gli screenshot delle conversazioni”), Mirabile convince la ragazza – vincendo alcune perplessità della stessa – a farsi accompagnare d’urgenza in questura, dove il 10 ottobre la dottoressa Maria Raffaella Abbate, con la dovuta professionalità e delicatezza, accoglie la querela della giovane. Alla Squadra Mobile viene quindi consegnata una chiavetta usb dove è stato catalogato tutto il materiale oggetto del ricatto in atto. Il fascicolo risulta essere stato già trasmesso

alla procura di Reggio.

Ancora oggi, la giovane vive nel terrore che questi video possano essere diffusi: «Mi sono resa conto tardi della grave stupidata fatta, non capiterà mai più in tutta la mia vita», commenta impaurita la 18enne.


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista