Quotidiani locali

Il superassessore di Vecchi in prima fila contro il Pd

Tutino martedì era a Roma per protestare contro Rosatellum, fiducia e governo Strabismo. Cosa succederà in giunta col crescendo della campagna elettorale?

REGGIO EMILIA. L’assessore comunale Mirko Tutino martedì era al fianco di Pippo Civati a Roma per manifestare contro il Rosatellum (la nuova legge elettorale), contro il governo Gentiloni che ha posto la fiducia, e inevitabilmente contro il Pd.

La presenza in prima linea dell’amministratore reggiano è documentata dal video di Repubblica.it e dalle numerosissime immagini della manifestazione passate in tutti i telegiornali.

Va ricordato che Tutino già nel febbraio scorso aveva abbandonato il partito guidato da Renzi per aderire al movimento creato dal governatore della Toscana Enrico Rossi, i Democraticosocialisti.

L’assessore è quindi confluito in Articolo 1 Mdp che proprio l’altro ieri, e per le stesse motivazioni della contestazione, è uscito dalla maggioranza parlamentare. Ancora Tutino va svolgendo il ruolo ancora virtuale – non ancora formalizzato – di segretario regionale dell’Emilia Romagna nel partito che fa riferimento a Bersani e D’Alema. Or quindi martedì l’assessore non poteva essere a Reggio Emilia dove era stato invitato alla manifestazione contro l’inquinamento, organizzata da Reggio Città Aperta in piazza Prampolini, davanti al municipio. Cioè il palazzo dov’è operativa la giunta di sinistra/centrosinistra guidata dal sindaco Luca Vecchi, con maggioranza larga Pd.

Di questa amministrazione polifonica laboratorio politico (il vicesindaco Sassi è ancora Mdp e guarda a Pisapia) Vecchi ne fa una bandiera e un modello di tenuta. Quanta? La domanda è lecita fin quando il grado di strabismo resisterà al crescendo della campagna elettorale per le politiche della prossima primavera. Cioè: Tutino, assessore factotum della giunta locale

a traino Pd, come correla Tutino primario avversario del Pd governativo? E il sindaco che ne pensa? Una volta (quando piacevano i francesismi) certe contraddizioni che reggono un’amministrazione e una vocazione personale, in sartoria si chiamavano double face. (st.sc.)
 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon