Quotidiani locali

Autocisterna si ribalta e perde il carburante, provinciale chiusa

Scandiano, succede sulla provinciale Arceto-Salvaterra. Ferito il camionista, un ferrarese di 51 anni. Traffico in tilt anche per un secondo incidente

SCANDIANO. Un'autocisterna carica di gasolio si è ribaltata sulla provinciale tra Arceto e Scandiano poco prima delle 16.30 di oggi, martedì 10 ottobre, e la strada è stata chiusa al traffico. Il mezzo infatti ha perso il suo carico di carburante in gran quantità. Nessun altro mezzo è stato coinvolto nell'incidente in cui è rimasto ferito l'autotrasportatore, un uomo di 51 anni residente a Cento (Ferrara). L'uomo è stato subito soccorso e portato in ambulanza all'ospedale di Reggio Emilia. E' stato giudicato grave, ma non in pericolo di vita.

La provinciale bloccata per una perdita di gasolio Un'autocisterna carica di gasolio si è ribaltata sulla provinciale tra Arceto e Scandiano poco prima delle 16.30 di oggi, martedì 10 ottobre. Ecco come si presentava la strada (video Enrico Rossi)

Nel frattempo, per consentire prima di tutto i soccorsi all'uomo e poi le operazioni successive della polizia municipale e dei vigili del fuoco, la viabilità è stata completamente interrotta e il traffico deviato sulla statale che collega Scandiano a Sassuolo. Per fortuna al momento dell'incidente sulla provinciale il passaggio di auto e mezzi era molto contenuto. I problemi sono arrivati in serata. Questo perché alle 18.30 circa, proprio nel momento in cui sulla statale il traffico, già normalmente intenso per il rientro dal lavoro, si è ingrossato anche dei mezzi deviati dalla provinciale per il primo incidente, sul ponte sul Secchia che collega Sassuolo a Reggio è avvenuto un altro incidente, in direzione di Sassuolo.

In questo momento sulla provinciale chiusa sono ancora al lavoro due squadre e sette uomini dei vigili del fuoco e una pattuglia in moto e altri quattro agenti (due dell'infortunistica e due del presidio di Casalgrande) della polizia municipale dell'Unione Tresinaro Secchia. Sul posto c'è anche Arpa per valutare la situazione a livello di rischio ambientale.

Il grosso problema è il travaso del carburante rimasto dentro alla cisterna su un altro mezzo. Operazione necessaria prima di poter spostare quello ribaltato. Sia che se ne occupi la ditta responsabile del trasporto sia che lo facciano i vigili del fuoco i tempi si prospettano lunghi. Il mezzo specializzato del 115 infatti dovrebbe arrivare da Milano. 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista