Quotidiani locali

I parcheggiatori abusivi non lasciano piazza Vallisneri

L’area di sosta è nuovamente presidiata da una rete di mendicanti. Qualcuno importuna i conducenti, altri rubano i vestiti destinati ai poveri

REGGIO EMILIA. Sono una mezza dozzina, chi in bici e chi a piedi, e con costanza e precisione certosina presidiano le strisce blu di piazza Vallisneri. Impossibile parcheggiare senza trovarseli davanti mentre, con gesti insistenti, indicano il luogo giusto dove lasciare la macchina. Ancora più difficile andarsene senza aver dato loro qualche moneta. Questi episodi, quotidianamente, vanno in scena da diverso tempo in uno dei parcheggi più frequentati dai reggiani e da chi, vista la vicinanza con il centro storico, viene da fuori e arriva per passare qualche ora in città.

E si trova davanti un biglietto da visita tutt’altro che lusinghiero per Reggio Emilia. È una piaga, quella dei parcheggiatori/mendicanti in piazza Vallisneri, difficile da estirpare e che da anni crea disagi e senso di insicurezza fra gli automobilisti e i residenti. I tentativi, da parte delle forze dell’ordine e dell’amministrazione comunale, ci sono stati. Ma non sono sufficienti per cacciare chi, d’altronde, ha davvero molto poco da perdere. Lo scorso anno, dopo mesi di polemiche e proteste, a luglio il Comune aveva finalmente installato nell’area di sosta del Santa Maria Nuova – afflitta dallo stesso problema – i parcometri dotati di tastiere alfanumeriche per inserire il numero di targa.

E adesso, la settimana prossima secondo quando annunciato dal Comune, gli stessi apparecchi verranno installati anche in piazza Vallisneri. «Non sono in assoluto la soluzione a tutti i problemi – avevano spiegato il sindaco Luca Vecchi e l’assessore a Mobilità e beni comuni, Mirko Tutino – ma riteniamo siano un valido strumento per eliminare alla radice la possibilità di fare compravendite abusive dei titoli di sosta».

E in effetti, grazie anche alla stretta sui controlli da parte della polizia municipale e della questura, per qualche tempo i parcheggiatori erano spariti davanti all’ospedale. E forse la stessa cosa accadrà anche nei pressi dei Giardini ma, intanto, il pressing abusivo dei mendicanti prosegue ancora oggi.

Basta mezz’ora di “appostamento” per rendersi conto dell’insistenza di questi soggetti, una mezza dozzina di stranieri che si danno il cambio fra loro e che non si lasciano sfuggire un solo automobilista. Pacati con i gruppi e gli uomini, più insistenti con le madri e le donne, spesso riescono a ottenere qualche moneta. E così il gioco continua dalle prime ore del mattino fino a sera inoltrata, con evidente
fastidio dei reggiani che, a volte anche piuttosto intimoriti, sono costretti a lasciare a piedi piazza Vallisneri con passo svelto. Passando davanti a uno degli abusivi che, allungando le braccia, prova a rubare qualche vestito lasciato per beneficenza nel cassone destinato ai poveri.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista