Quotidiani locali

San Martino, ladri inseguiti dall'Arma: recuperata refurtiva da 100mila euro

Il colpo in un'azienda di abbigliamento. La banda ha messo un'auto di traverso per assicurarsi la fuga

San Martino in Rio. Un’auto rubata usata per bloccare la strada e impedire l’intervento dei carabinieri. Un colpo studiato nei minimi particolari, quello compiuto la scorsa notte all’interno di un’azienda di San Martino in Rio, la Movimoda di via Magnanini 40, che tuttavia non è andato a buon fine grazie ai carabinieri reggiani che hanno intercettato i ladri e, dopo un inseguimento concitato fino in città, hanno recuperato due auto rubate e l’intera refurtiva: capi di abbigliamento per oltre 100mila euro. I quattro malviventi invece sono riusciti a fuggire.

E' accaduto poco dopo le 3 della scorsa notte, quando al centralino del 112 di Reggio Emilia è giunto l’allarme di furto in un’azienda di San Martino in Rio. Si trattava della Movimoda, ditta di logistica di abbigliamento per conto terzi che nel reggiano fa riferimento alla sede di San Polo e che conta diverse filiali in tutto il nord Italia. La ditta è situata in via Magnanini, una strada lunga della zona industriale che si trova tra via Lemizzone e via Provinciale per Reggio. I primi a intervenire sono stati i militari di Correggio, che si sono trovati la strada sbarrata da una Volvo XC 90, poi risultata rubata: era stata messa di traverso in mezzo alla strada, per rallentare l’intervento. Nel contempo nell’intera zona sono confluite numerose pattuglie (San Martino in Rio, Campagnola Emilia e Nucleo Radiomobile di Reggio), per scatenare la caccia all’uomo: come priorità è stata cinturata l’area, in modo da formare un anello intorno al luogo del raid e chiudere così le vie di fuga. Ai confini di Correggio, in direzione della città, un equipaggio del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia ha intercettato un Fiat Ducato sospetto con a bordo quattro malviventi. Ne è nato un pericoloso inseguimento fino alla città, dove in via Tirelli, tallonati dai carabinieri, i ladri sono stati costretti ad abbandonare Il Fiat Ducato. I malviventi sono riusciti a fuggire a piedi attraverso i campi e a far perdere le proprie tracce, nonostante la

caccia all’uomo scattata nell’intera zona. Nel frattempo gli accertamenti sul furgone hanno confermato i sospetti: il mezzo era stato rubato poche ore prima nel bolognese. All’interno c’era l’ingente partita di capi d’abbigliamento razziati all’azienda, alla quale la merce è stata restituita.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista