Quotidiani locali

Il cuore di Liga: «Oh, stasìra sun a Res»

Ieri sera al PalaBigi tutto esaurito per il ritorno del rocker: l’intero incasso sarà devoluto a Grade e CuraRe onlus 

Reggio Emilia, il concerto di Ligabue al PalaBigi Il grande abbraccio della sua Reggio a Luciano Ligabue, in concerto al PalaBigi con il suo Made in Italy Tour. L'incasso è stato devoluto al Grade e a Curare

REGGIO EMILIA. «Sarà una serata indimenticabile» scriveva ieri pomeriggio sulla sua pagina Facebook Luciano Ligabue a poche ore dal concerto al PalaBigi. E così è stato.

Salito sul palco, il Liga ha subito attaccato con due brani dell’ultimo album: “La vita facile” e “Mi chiamano tutti Riko”: sullo sfondo, alcune immagine inedite del film “Made in Italy” che hanno fatto impazzire i fan. Poi, le prime parole del Liga: «Oh, stasìra sun a Res». A seguire, due parole del rocker-regista sul suo ultimo film, girato in gran parte a Reggio, e poi via con i grandi successi a partire da “Ho messo via”. I fan li vogliono. E il Liga non li delude. Tra il pubblico anche Luigi Maramotti e il sindaco Luca Vecchi.



Avevano il biglietto custodito gelosamente nel cassetto da mesi i fan di Ligabue che già da ieri mattina presidiavano il PalaBigi in attesa che il loro idolo si materializzasse. Per ingannare l’attesa (mai così lunga dal momento che il concerto previsto ad aprire era poi saltato per l’operazione alle corde vocali a cui si era dovuto sottoporre il Liga), cori improvvisati, selfie in abbondanza, l’immancabile shopping a caccia dell’ultimo gadget, cuffiette nelle orecchie a ripassare il repertorio e non farsi trovare impreparati davanti al palcoscenico.

Verso le 17 le prime note escono dal palazzetto dove la band sta provando e basta questo per scatenare l’entusiasmo: il Liga c’è.

Ligabue al PalaBigi di Reggio Emilia, il manager Maioli: "Luciano è in gran forma" "Siamo molto contenti di fare questo concerto per Grade e Curare". Così Claudio Maioli, manager di Ligabue, sul concerto di solidarietà al PalaBigi di Reggio Emilia.

Poi compare lo storico manager di Ligabue, Claudio Maioli, a rassicurare chi ancora avesse dei dubbi sulle condizioni fisiche del proprio idolo. «Come sta Luciano? Benissimo. È in splendida forma e canta ancora meglio di prima». Ma non dimentica, Maioli, di sottolineare l’eccezionalità di questo concerto “Made in Reggio” ancora prima che “Made in Italy”. «Siamo davvero contenti di essere qui per CuraRe e Grade, ormai è diventata un’abitudine e ci fa molto piacere ogni tanto poterlo fare, sia a me che a Luciano».

Ligabue al PalaBigi di Reggio Emilia, Merli: "Luciano è un amico del Grade" "Luciano è da sempre un amico del Grade". Così il dottor Francesco Merli, direttore dell'Ematologia, prima del concerto di Luciano Ligabue al PalaBigi di Reggio Emilia. L'incasso sarà devoluto al Grade e a Curare Onlus.


Non sono mancati i ringraziamenti a Ligabue da parte di Francesco Merli, direttore dell’Ematologia: «È un piacere ospitare per la seconda volta Ligabue in un concerto a favore del Grade e, questa volta, anche a favore di CuraRe onlus. Luciano è sempre stato sensibile alle nostre iniziative. E non parlo solo dei concerti. Per due volte è venuto in reparto a trovare i nostri pazienti. Luciano è un amico del Grade».

In programma quindi musica e beneficenza, proprio come sei anni fa, quando il Liga aveva incantato il pubblico reggiano con un concerto benefico «quasi acustico». A cambiare ieri sera è stato però il menù: allora aveva cantato brani da “Arrivederci mostro”, questa volta è toccato a Riko - alter ego di Ligabue anche nel film “Made in Italy”, così come il tour - riempire il PalaBigi di emozioni. (r.f.)


 

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon