Quotidiani locali

«Io, terremotato dal 2012, per colpa della burocrazia non riesco a ricostruire»

Udino Simonazzi nel 2012 ha abbattuto l’edificio sostenendo le spese. «La Regione respinge la mia pratica a causa di un numero civico che non torna»

Novellara, dopo 5 anni ancora terremotato per colpa della burocrazia NOVELLARA. Ecco la storia di Udino Simonazzi, costretto ad abbattere il suo magazzino dopo il terremoto del 2012 e ancora impossibilitato a ricostruirlo, per colpa della burocrazia.

NOVELLARA. «Ho dovuto abbattere il mio capannone dopo il terremoto, ma a distanza di cinque anni, passati a compilare pratiche regolarmente rigettate dalla Regione, sono ancora senza magazzino e senza possibilità di proseguire la mia attività. Sono disperato, economicamente e moralmente distrutto».

Udino Simonazzi, detto Dino, 45 anni, è uno dei pochi – si contano sulla punta delle dita – terremotati di Novellara. Altri hanno dovuto fronteggiare gli ostacoli burocratici della ricostruzione post sisma del 2012. Ma il suo è un caso singolare, arenatosi davanti al muro di gomma della burocrazia.

Novellara è stata colpita relativamente dal sisma, a differenza di Rolo e Reggiolo. Ma le scosse sono state sufficienti a lesionare e a far dichiarare inagibile il capannone di Udino, un tempo a fianco della sua abitazione in strada dei Boschi, a San Bernardino di Novellara.

«Lo usavo come ricovero attrezzi e materiali per la mia attività artigianale di controsoffittatura e pareti in cartongesso – racconta l’interessato –. Nel 2012 ho ricevuto l’ordinanza di demolizione del magazzino, troppo vicino all’abitazione. Ho pagato di tasca mia le spese di abbattimento e smaltimento detriti, oltre a dover ricomprare tutto il materiale perduto: in tutto circa 30mila euro, dando fondo ai miei risparmi personali. Ho eseguito l’ordine fiducioso, con la promessa delle istituzioni che avrei riedificato lo stabile».

Quando però Udino ha dato avvio all’iter per ottenere i contributi regionbali per la ricostruzione, è iniziata una vera e propria odissea a suon di scartoffie. «Ogni volta che il mio tecnico ha inoltrato la richiesta, da Bologna hanno bocciato la pratica e hanno chiesto un’integrazione di documentazione». Un copione che si è ripetuto più volte: l’ultima risposta negativa risale alla settimana scorsa.

L’inghippo è questo: «A luglio, grazie all’interessamento del Comune, sono stato convocato dalla Commissione per la Ricostruzione a Bologna, dove mi sono recato insieme al tecnico. Lì ci hanno spiegato che la mia ditta individuale è registrata in Camera di Commercio al civico 73, che in realtà è la mia abitazione: le fatture arrivavano lì e non al civico 75, dove prima si trovava il capannone, senza ufficio, senza dipendenti e in un ingresso carraio di mia proprietà. Secondo la burocrazia manca la prova che al civico 75 esistesse l’attività, mancando anche un contratto di affitto: avrei dovuto affittare a me stesso».

Ora il 45enne è scoraggiato. «Il materiale lo tengo in cortile, tra poco arriverà l’inverno e il cartongesso diventerà inservibile. Il sindaco conosce la mia situazione e mi ha fatto ottenere la convocazione in Commissione, ma neppure questo è servito. Mi chiedo: con i fondi del sisma qui nella Bassa hanno ricostruito ex novo dei casolari abbandonati da 50 anni, possibile che io non riesca a ripartire?».

Il sindaco Elena Carletti conferma: «È una questione delicata. Capisco la sua amarezza, ma capisco anche il rigore nell’elargire fondi pubblici. Come Comune abbiamo appoggiato la sua istanza e continueremo a seguire il caso: non lo lasceremo solo. Abbiamo fissato un appuntamento in municipio, per cercare di individuare un altro percorso».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE PER GLI AUTORI

Stampare un libro, ecco come risparmiare