Quotidiani locali

Reggio Emilia, travolta da un’auto mentre va in bici

In ospedale una 40enne albanese, franata a terra in via Soglia dopo lo scontro con una macchina guidata da giovani cinesi

REGGIO EMILIA. Investita da un’auto: una ciclista finisce in ospedale. Una 40enne albanese stava percorrendo via Giuseppe Soglia sul suo mezzo, una bicicletta di colore rosso. Sono circa le 11.30 di ieri quando suo malgrado si scontra con una macchina, guidata da un cinese. La dinamica è da accertare con precisione, ma è di sicuro la donna ad avere la peggio.

Lo scontro avviene all’incrocio tra la strada e la più larga via Vincenzo Ferrari La 40enne è scaraventata giù dalla bici e finisce sull’asfalto, dove batte la testa, riportando un trauma cranico. Le sue condizioni appaiono subito gravi e si rende quindi necessario l’intervento di un’ambulanza per soccorrerla. Giunti sul posto, gli operatori del 118 intervengono con cautela, trasportando la ferita all’ospedale Santa Maria Nuova.

Nella struttura ospedaliera la paziente si sottopone ad accertamenti e il quadro clinico è migliore di quanto si prospettava in un primo momento. La 40enne rimane comunque in ospedale per qualche ora, trattenuta in osservazione breve intensiva, ma sarà poi dimessa.

Oltre all’ambulanza, sul luogo dell’impatto si porta un’auto della Polizia Municipale. Dalla vettura scende un agente, che inizia a raccogliere le generalità del conducente e ascoltare la sua versione dei fatti. Il guidatore cinese è rimasto sul luogo assieme ad altre due persone della stessa nazione di provenienza, scese a loro volta dalla macchina.

La bici, intanto, è stata posizionata in un angolo della strada, lontano dal traffico.

Lungo via Giuseppe Soglia è presente un percorso ciclabile, che s’interrompe, tuttavia, in prossimità con via Vincenzo Ferrari, ovvero nei pressi del luogo in cui è avvenuto l’incidente.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie