Quotidiani locali

Cittadinanza onoraria a don Paolo 

Guastalla: voto unanime in consiglio comunale per monsignor Pirondini

GUASTALLA. Ieri sera il consiglio comunale ha conferito la cittadinanza onoraria a monsignor Paolo Pirondini. La proposta è stata approvata all’unanimità e salutata con un applauso da parte dei consiglieri di maggioranza e minoranza. La cittadinanza onoraria a monsignor Pirondini è stata motivata «con riconoscenza, per la grande sensibilità dimostrata durante il suo ministero, nel divulgare e promuovere una cultura della pace, della democrazia, del rispetto reciproco e della fede cristiana». Ad annunciare l'avvio dell'iter era stato il sindaco Camilla Verona nel suo intervento in duomo un paio di settimane fa. L'anziano sacerdote ha compiuto 90 anni il 25 gennaio scorso, e il 2 aprile scorso ha festeggiato il 67° anniversario di ordinazione. Da circa 2 anni è ospite della Casa del Clero San Giuseppe di Montecchio. Monsignor Pirondini il 2 aprile è tornato volentieri in paese, dove ha potuto rivedere la concattedrale ristrutturata dopo il terremoto del 2012 e finalmente riaperta. È rimasto stupito per aver scoperto alcune bellezze della chiesa a lui sconosciute. Nell'occasione, ha concelebrato la messa con il parroco di Guastalla nonché vicario generale della diocesi, monsignor Alberto Nicelli. Paolo Pirondini ha il titolo di monsignore, ma tutti lo hanno sempre chiamato «don Paolo», in uno stile sobrio che rispecchia la sua umiltà e semplicità. Originario di Novellara, sacerdote dal 2 aprile 1950, monsignor Pirondini ha trascorso 27 anni nella concattedrale di Guastalla. Era arrivato nel 1979 al posto di monsignor Quirino Merzi che, a sua volta, era diventato cappellano dell'ospedale. Monsignor Pirondini è stato parroco per cinque anni a Brescello e, prima ancora, era stato docente al seminario di Guastalla, ricoprendo anche la carica di vicerettore. Dopo il conferimento
della cittadinanza onoraria, il consiglio comunale ha proseguito con l'approvazione del rendiconto dell’esercizio finanziario 2016. Infine, all'ordine del giorno c’era la concessione della gestione dell’Ostello del Po, situato in viale Lido Po, con i relativi provvedimenti. (m.p.)

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista