Quotidiani locali

Toano, si finge maresciallo dei carabinieri e tenta di truffare un anziano

Il finto militare chiedeva a un 75enne di controllare i soldi della pensione sostenendo ci fossero banconote false. L'anziano si ricorda dei consigli antitruffa dell'Arma e chiama i veri carabinieri

TOANO. «Buongiorno, sono un maresciallo dei carabinieri devo controllare le banconote della sua pensione al comando ci hanno segnalato la presenza di soldi falsi». In questo modo un truffatore intorno alle 10,00 di ieri, mercoledì 20 aprile, si è presentato nell’abitazione di un 75enne di Toano. L’anziano da prima ha mostrato al finto carabiniere una banconota da 50 euro poi, ricordandosi i consigli sentiti in un incontro organizzato dall'Arma proprio a Toano, è tornato sui suoi passi facendosi restituire la banconota e chiamando i veri militari. Capito di essere stato scoperto il truffatore è scappato.

La campagna preventiva dei carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia contro le truffe agli anziani, che ha visto i Carabinieri reggiani “catechizzare” le possibili vittime anche dal pulpito delle chiese, al termine delle messe domenicali, sta continuando in fase preventiva a portare i risultati. Nei giorni scorsi altre due anziani sempre del comprensorio montano che avevano preso parte alla “catechesi” antitruffa, hanno recepito i consiglio dei carabinieri mettendo in fuga un truffatore che in tutti e due i casi, paventando controlli a seguito di una fuga di gas, invitava i padroni di casa a riporre gli ori in freezer per evitare che si ossidassero.

L’ultimo episodio ieri a Toano con l’uomo che inizialmente cascava ai modi garbati e gentili dell’uomo che esibiva alla vittima un falso tesserino per poi ricordarsi che nell’incontro a cui aveva partecipato i carabinieri avevano chiarito che nessun carabinieri si sarebbe presentato nelle case per chiedere verifiche dei soldi. Da qui la reazione dell’uomo che ha messo in fuga il falso carabiniere ora ricercato da quelli veri che dispongono anche di un identikit approntato grazie alla ferrea memoria della vittima.

Nelle ultime settimane i militari dell’Arma della provincia di Reggio Emilia hanno incontrato la popolazione nelle sedi circoscrizionali, nei centri sociali e nei circoli e nelle chiese invitando i cittadini, specie gli anziani, a una maggior attenzione contro le truffe. Un programma fitto di incontri, quello pianificato dal comandante Provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia Colonnello Antonino Buda, alle tre Compagnie nella quali è suddiviso il territorio provinciale, che proseguirà in maniera incessante anche con l’approssimarsi della stagione estiva dove gli anziani diventano maggiormente  vulnerabili con la partenza dei propri cari per le vacanze, in modo tale

da accrescere il livello di guardia delle possibili vittime.

Un’importante campagna preventiva a cui comunque fa da sfondo l'attività investigativa avviata dai carabinieri per identificare i truffatori che con le più variegate incursioni carpiscono al fiducia derubando gli anziani.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics