Quotidiani locali

Correggio 

Il liceo Corso ospita la mostra fotografica sui confini d’Europa

CORREGGIO. Una mostra fotografica, nata dal progetto sui confini europei condotto dal fotografo Ivano Di Maria e dal giornalista Marco Truzzi, allestita negli spazi di un liceo. Avviene al Rinaldo...

CORREGGIO. Una mostra fotografica, nata dal progetto sui confini europei condotto dal fotografo Ivano Di Maria e dal giornalista Marco Truzzi, allestita negli spazi di un liceo. Avviene al Rinaldo Corso di Correggio che ospita dal 3 al 10 aprile “Europe around the borders”. La mostra fotografica è inserita nel progetto “Europa in Corso”, un iniziativa delle professoresse Marcella Bursi e Annalisa Canarini, con la collaborazione del Comune, che negli ultimi anni ha portato gli insegnanti e gli studenti del liceo a partecipare alla Settimana Europea attraverso una serie di eventi, articolati su diversi mesi, dedicati all’Europa.
La mostra, allestita nei corridoi della scuola, sarà aperta al pubblico sabato 8 aprile, dalle ore 16 alle ore 19, e domenica 9 aprile, dalle ore 10 alle ore 12.
“Europe around the borders” è un progetto iniziato nel 2014. Racconta di nove viaggi, sedici città raggiunte, 19.517 km percorsi, 9.352 fotografie scattate, 212.000 parole scritte, venti confini attraversati, tre campi profughi visitati (e sei fermi di polizia subiti) e il lavoro intende proporre una riflessione sullo scarto esistente tra “confine” e “frontiera”, cioè qualcosa che finisce e qualcosa - anche solo un’opportunità - che inizia (un luogo può essere confine e frontiera allo stesso tempo, spesso dipende solo da che parte del filo spinato lo si guarda).

Il progetto è poi diventato una mostra a cura di Ivano Di Maria – che nei mesi scorsi è stata a Carrara, Modena, Trieste, Reggio Emilia, Nonantola, Riccione – un reportage, pubblicato da “Repubblica” e da “Post Internazionale”, e un libro di Marco Truzzi, “Sui Confini”, edito da Exòrma.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik