Quotidiani locali

Bus Bibbiano-Montecchio novità a misura di studenti

Da domani cambiano orari e percorsi delle corse per evitare il sovraffollamento L’Agenzia della mobilità: completata l’offerta. Il sindaco Carletti: monitoreremo

BIBBIANO. Il Comune di Bibbiano aggiusta il tiro sul trasporto publico locale, in particolare sulla linea Bibbiano-Montecchio: le due corse, utilizzate nell'orario scolastico in particolare dagli studenti dell’istituto D’Arzo, da domani saranno più lunghe e con maggiori fermate.

Il caso era emerso lo scorso 10 dicembre, quando sui social network un genitore lamentava che gli alunni delle superiori fossero pressati come sardine: «La linea dei trasporti scolastici nella tratta da Montecchio Emilia-Barco sino a Bibbiano, su cui mio figlio viaggia ogni giorno, è un caos. Al ritorno da Montecchio il trasporto degli studenti a fine lezioni viene effettuato con due bus: uno che fa la tratta da Montecchio a San Polo d’Enza-Bibbiano, l’altro da Montecchio va a Barco, Bibbiano e Montecavolo. Tutti gli studenti di Bibbiano preferiscono prendere questa seconda linea poiché l’altra passa da San Polo e impiega circa 30/40 minuti in più. Il risultato è che il secondo bus è stracolmo di studenti che faticano a salire».

L’amministrazione comunale si è attivata con gli enti competenti e il 25 gennaio ha incontrato genitori, rappresentanti di Seta e Agenzia della mobilità. «Da tale incontro sono scaturite due proposte per migliorare il servizio – ha dichiarato il sindaco Andrea Carletti –. Relativamente alla corsa del mattino, si è provveduto a modificare il percorso e l’orario della partenza da Barco (il bus non partirà più da bivio Barco ma alcune fermate prima), mentre per la tratta di ritorno si è deciso di prolungare la corsa Montecchio-Barcaccia-San Polo-Bibbiano che finora terminava nel piazzale della chiesa di Bibbiano, introducendo due ulteriori stop a Bibbiano centro e in località Fossa. Questo nuovo sistema, che sarà fruibile con lo stesso abbonamento, andrà in vigore da lunedì 13 febbraio. Da parte nostra non mancheremo di monitorare il servizio».

Michele Vernaci, dell’Agenzia della mobilità, ha aggiunto: «Nel dialogo con i cittadini si è verificato che la differenza di arrivo tra le due corse era minima (non 30-40 minuti, bensì appena 6 minuti), però una linea era affollata e scomoda perché

non raggiungeva alcune fermate e l’altra mezza vuota. Prolungando il percorso di pochi chilometri, abbiamo completato l’offerta e migliorato la distribuzione dei passeggeri: una soluzione condivisa dai cittadini e che non grava troppo sulle casse dell’azienda».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LA PROMOZIONE

Pubblicare un libro gratis