Quotidiani locali

Inventa un gioco musicale per i bambini dell’asilo

In mostra a Roma “Moody”, ideato dalla designer castelnovese Milena Boni «Permette di creare, registrare e riascoltare melodie avvicinando pezzi di legno»

CASTELNOVO MONTI. Tra i progetti esposti fino al 24 gennaio al Maxxi, il museo di Roma dedicato all’arte contemporanea, ce n’è uno realizzato da una giovane designer di Castelnovo Monti, Milena Boni, che ha realizzato un gioco interattivo per i bambini dai 3 ai 6 anni, dedicato all’apprendimento e alla sensibilizzazione musicale. Milena ha 25 anni, è nata a Castelnovo, dove ha studiato fino alle scuole superiori frequentando il Cattaneo-Dall’Aglio, ha poi proseguito il percorso per diventare product & graphic designer. Ha un master in Product Design per l'innovazione al Politecnico di Milano e attualmente lavora in uno studio di design di gioielli con sede a Dublino. Le sue ricerche l’hanno portata ad uno stile minimalista e allo stesso tempo sostenibile. Le esperienze acquisite grazie ai periodi di lavoro all’estero le hanno permesso di essere molto versatile e aperta a nuove avventure.

Una di queste è stata la partecipazione al Dab7, concorso per design di art shop e bookshop organizzato dal Mibact (Ministero per le attività culturali), dal Gai, l’Associazione dei Giovani Artisti Italiani, e dal Comune di Modena.

Per il concorso, Milena ha dunque realizzato “Moody”, un gioco progettato per lo sviluppo delle potenzialità dell'educazione musicale in età prescolare. E’ un gioco sonoro e interattivo che consente al bambino di riprodurre canzoni conosciute e crearne di nuove, generando pattern musicali in sequenza. Questi ultimi vengono generati dall'interazione di piccole sagome di legno raffiguranti note, timbri e azioni con una struttura base, a forma di ottagono.

«Moody – spiega Milena Boni – è un gioco per bambini che introduce un nuovo modo per il bambino di interagire nell’esperienza educativa. Moody permette di creare, registrare e riascoltare melodie avvicinando pezzetti di legno ad un determinato punto della base. Pensato per un utente tra i 3 e i 6 anni, prevede che l’esperienza educativa venga accompagnata da un educatore che potrà seguire passo a passo le schede fornite per creare melodie conosciute. Moody nasce come progetto finale per la mia laurea magistrale in Design del prodotto per l’innovazione. Ho creato il prodotto da zero partendo da un’ampia ricerca nei vari ambiti pedagogici ed educativi. Aspetti fondamentali quali la scelta cromatica effettuata, le forme e i suoni scelti sono stati frutto di una selezione accurata. La soddisfazione più grande è sicuramente vedere che i bambini sono incuriositi dal gioco e, quando iniziano a giocare, apprezzano la semplicità dei movimenti e dei colori, ma soprattutto rimangono meravigliati nel riascoltare dall’inizio la melodia creata utilizzando le sagome di legno. Ho partecipato al progetto Dab in quanto è un’ottima occasione per raccogliere feedback sul prodotto e cercare di capire se può essere apprezzato anche in altri ambiti, quali artshop e bookshop, appunto». 

Moody

è stato presentato al Maxxi il 21 dicembre scorso, assieme agli altri progetti selezionati, nell’ambito dell’inaugurazione della mostra, durante la quale il progetto è stato premiato con un incentivo in forma di sostegno alla sua realizzazione e diffusione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista