Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Battute al cinghiale iniziate proprio ieri

E’ iniziata proprio ieri mattina, anche nell’Ambito Territoriale di Caccia AtcRe4 “Montagna” – l’area che si estende in Appennino per circa quarantamila ettari, a ridosso e compenetrante con il Parco...

E’ iniziata proprio ieri mattina, anche nell’Ambito Territoriale di Caccia AtcRe4 “Montagna” – l’area che si estende in Appennino per circa quarantamila ettari, a ridosso e compenetrante con il Parco Nazionale e comprendente sette Comuni: Busana, Castelnovo ne' Monti, Collagna, Ligonchio, Ramiseto, Vetto e Villa Minozzo – la caccia al cinghiale. Il cinghiale, come il capriolo, rientra nella caccia di selezione, per controllare il numero di popolazione di alcune specie: i selezionatori autorizzati possono eliminare esemplari di cinghiale fino a fine anno.

La caccia alla lepre, invece, che rientra nell’attività venatoria stanziale (lepri, fagiani, pernici rosse e starne) è partita il 18 settembre scorso e si concluderà la prima domenica di dicembre. In questo caso il calendario venatorio 2016-2017, consultabile sul sito della Regione Emilia-Romagna, consente di andare in giro con i cani liberi, uccidere le specie tradizionalmente cacciate nel reggiano (lepri, fagiani, pernici rosse o starne) o cacciare per appostamento tutte le altre specie, come le anatre selvatiche.