Quotidiani locali

Malore in campo, arbitro salvato dal defibrillatore

Arresto cardiaco per il ragazzo 22enne durante la partita di basket di Coppa Emilia, decisivo l’utilizzo del macchinario salvavita

NOVELLARA. «Ci sono pochi dubbi. I medici lo hanno detto. Se in palestra non ci fosse stato il defibrillatore, non sarei qui a parlarne». Mattia Gorzanelli, 22 anni studente di Vignola (Modena) e arbitro di basket, non nasconde l’emozione, e anche un comprensibile sconforto, per quello che è accaduto mercoledì sera in palestra a Novellara. Dal letto di terapia intensiva dell’ospedale Santa Maria Nuova, da dove è ancora ricoverato prima di un suo imminente trasferimento all’ospedale modenese di Baggiovara, la consapevolezza è quella di chi sa di essere un sopravvissuto. Ma anche che da qui in poi la vita dovrà cambiare. «Ma sono qui a raccontarlo, devo pensare a questo» confida.

E quello che gli è successo, vale davvero la pena di essere raccontato. Perché rivela stavolta in maniera concreta quanto sia fondamentale la presenza di un defibrillatore in un impianto sportivo. Come quello che da qualche mese è stato installato nella palestra di via Novy Jicin, grazie alla volontà della società Pallacanestro Novellara.

Mercoledì sera era in corso la sfida di Coppa Emilia tra Novellara, appunto, e la formazione Psa Modena. Si stava giocando l’ultimo quarto. Un confronto serrato, punto su punto tra le due formazioni, 49-48. È stato quando mancavano circa 7 minuti dalla fine che Mattia, che stava arbitrando, improvvisamente, si è accasciato al suolo. Privo di sensi. «Ho avuto un arresto cardiaco» rivela all’indomani.

Una situazione di estrema emergenza. Tutti gli occhi di tutti si sono girati su di lui. Che non reagiva. Immobile. Sul pavimento della palestra.

Ma Mattia è stato fortunato, molto fortunato. Da qualche tempo, infatti, la palestra novellarese è dotata di defribrillatore. E i dirigenti della società sportiva hanno seguiti i corsi per il suo utilizzo. Di fronte a quell’emergenza, non hanno perso lucidità, anzi. Hanno capito subito che bisogna intervenire con velocità e compentenza. Ettore Benevelli, direttore sportivo di Novellara, ha subito praticato il massaggio cardiaco al ragazzo. Al suo fianco Giada Maiocchi, segnapunti e volontaria della Croce Rossa, l’altro dirigente Marco Bonini e il medico della squadra, il dottor Perniciano. Hanno preso il defibrillatore e lo hanno azionato.

Mattia Gorzanelli grazie alle manovre di rianimazione piano piano ha iniziato a muoversi. Quando intanto sul posto sono arrivate l’ambulanza della Croce Rossa di Novellara e l’automedica, aveva già ripreso conoscenza e a parlare. Una volta stabilizzato è stato ricoverato d’urgenza al Santa Maria Nuova.

«Ora sto bene - raccontava ieri - Adesso devo sottopormi a tutta una serie di accertamenti. Già qualche settimana fa, mi era successo di perdere i sensi ed ero già

stato ricoverato. Sapere di aver avuto un arresto cardiaco è pesante. So già che non potrò più praticare sport agonistico, e non sarà facile per me. Ma sono stato fortunato, lo so. Avere il defibrillatore vicino è stato decisivo. Sono sempre stato favorevole. Quello che è successo lo prova».

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista