Quotidiani locali

Schianto contro il camion Grave un motociclista

Bibbiano: l’incidente è accaduto ieri pomeriggio nella zona artigianale di Barco Il 37enne è ricoverato all’ospedale Santa Maria Nuova con vari traumi e fratture

BIBBIANO. Un grave incidente è avvenuto ieri pomeriggio, alle 16, nella zona artigianale di Barco di Bibbiano. Un motociclista stava percorrendo via Nenni, quando, per cause ancora da accertare, ha urtato il camion che lo precedeva che stava svoltando a sinistra in via Terracini. Il motociclista, un 37enne residente a Canossa è stato sbalzato di sella dalla sua Yamaha: subito dopo aver toccato un angolo del paraurti dell’autocarro, infatti, ha fatto un volo di qualche metro atterrando violentemente sull’asfalto e riportando gravi fratture e traumi. Il camionista – un 52enne di Bibbiano – accortosi dell’incidente si è fermato e ha subito chiamato i soccorsi, facendo arrivare sul posto l’ambulanza della Croce rossa e l’automedica dall’ospedale Franchini di Montecchio.

I volontari e i medici hanno prestato le prime cure al 37enne e poi l’hanno trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio, dove l’uomo si trova ricoverato in ortopedia. Nel frattempo all’incrocio tra via Nenni e via Terracini sono arrivati anche i carabinieri della locale stazione e gli agenti della polizia municipale della Val d’Enza, che si sono occupati dei rilievi.

Dai primi accertamenti sembra che il motociclista abbia tamponato l’autocarro e di conseguenza sia rovinato al suolo ferendosi e riportando una grave frattura scomposta a una gamba.

La ricostruzione dell’esatta dinamica,

comunque, è ancora in fase di completamento: per capire con precisione come sono andati i fatti, gli agenti della polizia municipale sfrutteranno anche il racconto del camionista e di alcuni testimoni che al momento dell’incidente si trovavano nel bar situato all’angolo tra le due vie.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista