Quotidiani locali

Vai alla pagina su La cucina reggiana

L'Emilia Romagna si conferma la regina dell'agroalimentare

La food valley ha il 32 per cento del fatturato nazionale, quasi tutto al Nord: l'82 per cento. Reggio c'è

REGGIO EMILIA. L’Emilia Romagna si conferma regina della cooperazione agroalimentare, secondo l’Osservatorio della cooperazione agricola italiana presentato ieri a Roma. Con 701 imprese (il 14% del totale nazionale) e soprattutto con un fatturato che nel 2013 ha superato i 13,1mld di euro, la regione detiene infatti il 36% del valore complessivo prodotto dalle 5mila cooperative del Paese.

Secondo lo studio realizzato da Nomisma per l’Osservatorio, istituito dal ministero delle Politiche agroalimentari e forestali e sostenuto dalle quattro Organizzazioni di rappresentanza delle cooperative dell’agroalimentare (Agci-Agrital, Fedagri Confcooperative, Legacoop Agroalimentare ed Unicoop), le singole cooperative dell’Emilia Romagna producono un valore più che doppio rispetto a quelle nazionali; ogni impresa fattura infatti 18,7mln di euro, contro i 7,2mln della media italiana.

Nella top25 delle principali cooperative agroalimentari nazionali, ben 14 imprese sono emiliano-romagnole e concentrano il 51% del fatturato totale. Il primato dell’Emilia-Romagna emerge in tutti i principali settori cooperativi, in cui detiene quote di fatturato che oscillano dal 25% dei servizi al 30% del vino, al 40% dell’ortofrutta, al 41% del latte, fino al 43% della carni.

Al sostanziale equilibrio nella distribuzione geografica delle imprese cooperative (44% al Nord, 14% al Centro, 42% al Sud) non corrisponde egual misura nel fatturato, che attribuisce al Nord l’82% del valore, il 7% al Centro e l’11% al Sud. In particolare quattro regioni – Emilia-Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia – generano il 75% del fatturato di tutta la cooperazione associata, pur essendo localizzate nel loro territorio appena il 29% delle imprese totali.

La leadership nazionale (per fatturato) è saldamente detenuta dell’Emilia-Romagna con oltre 13 mld di euro; seguono il Veneto (6,8 mld), il Trentino Alto Adige (3,7 mld) e la Lombardia (3,6 mld). Più staccate Piemonte (1,1 mld), Sicilia (921 mln), Marche (874 mln) e Puglia (852 mln). La speciale classifica per regioni cambia se si guarda il numero di imprese: a comandare è la Sicilia (764 cooperative), seguita dall’Emilia Romagna (701) e da un’altra regione del Sud, la Puglia (430). Poi Veneto (317), Piemonte (297), Lombardia (273), Lazio (258) e Sardegna (250).


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista