Quotidiani locali

Vai alla pagina su 'Ndrangheta
Ai Macrì appalti pubblici per 340mila euro

Ai Macrì appalti pubblici per 340mila euro

Dodici commesse affidate dal Comune di Reggio Emilia all'imputato di Aemilia da cui la moglie del sindaco comprò casa

REGGIO EMILIA. La ditta fratelli Macrì, non coinvolta nell'operazione Aemilia, ma che vede come uno dei due soci Francesco Macrì, l'imprenditore (imputato invece nel processo) che vendette la casa al sindaco di Reggio Luca Vecchi, era nota all'amministrazione reggiana fin dal 2003. Infatti in nove anni, dal 2003 al 2012, si è aggiudicata 12 appalti pubblici per un valore totale di circa 340mila euro. Tra questi i più significativi sono due appalti pubblici vinti nell'autunno 2009 per un totale di 177.615 euro, relativi alle sistemazioni stradali e riorganizzazione del centro abitato della frazione di Fogliano. Un altro appalto di rilievo è poi quello per i lavori della realizzazione del parcheggio di via Niselli, dal dicembre 2006, per 45.920 euro.
 
È tutto nero su bianco nella prima risposta data dal comune al Movimento 5 Stelle, che ha richiesto un accesso agli atti sui lavori pubblici affidati alle ditte dove risulta presente l'imputato di Aemilia Francesco Macrì.  Dal sito dell'azienda dove è socio Macrì, si evidenziano inoltre interventi diretti privati in altre frazioni cittadine. I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Ivan Cantamessi e Alessandra Guatteri non intendono però fermarsi a questo punto e annunciano che «i prossimi accertamenti riguarderanno la verifica di tutti gli appalti pubblici assegnati dal comune di Reggio Emilia a ditte che vedono soci imputati di Aemilia». 
 
Una gran mole di lavoro di controllo insomma che, chiosano i consiglieri, «avrebbe dovuto svolgere la commissione antimafia comunale presieduta dal consigliere Daniele Marchi del Pd». Ma «mai effettuato durante questo periodo, nonostante i nostri solleciti». Dal sito dell'azienda dove è socio Francesco Macrì, come già evidenziato in diverse inchieste giornalistiche, si evidenziano poi interventi diretti privati a Mancasale, San Bartolomeo, via Guido da Castello, San Martino in Rio eccetera. «E' in corso di presentazione ora un accesso agli atti per capire i rapporti intercorsi tra le società C-Network srl e C-Project sr ed il Comune di Reggio Emilia - scrivono i grillini - in quanto il proprietario di queste due società indicato in un articolo di stampa in "D.S." risulta socio in un azienda che secondo la Prefettura "ha maturato rapporti economici con soggetti contigui ai Grande Aracri".
 
I prossimi accertamenti riguarderanno i lavori privati svolti sul Comune di Reggio da queste due ditte legate a Francesco Macrì e la verifica di tutti gli appalti pubblici assegnati dal Comune di Reggio Emilia a ditte che vedono soci imputati di Aemilia. 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVO SERVIZIO

Promuovi il tuo libro su Facebook