Quotidiani locali

Ladri fuggono a piedi abbandonando 500 bottiglie di vino

Sono stati intercettati dai carabinieri di Cadelbosco Sopra Sul furgone rubato c’erano anche gli arnesi da scasso

CADELBOSCO SOPRA. E’ culminata con il recupero di circa 500 bottiglie di vino, un Fiat Doblò rubato e vari arnesi da scasso l’operazione condotta dai carabinieri di Cadelbosco Sopra che nella notte tra venerdì e ieri – nella zona della frazione di Villa Seta – hanno intercettato tre malviventi intenti ad aggirarsi nei pressi di ville e case isolate i quali, alla loro vista, sono fuggiti a tutta velocità dando vita a un folle inseguimento. Dopo alcuni chilometri, però, hanno dovuto desistere e hanno preferito abbandonare il mezzo con ancora a bordo tutta la refurtiva, e disperdersi nei campi.

A comporre la banda erano tre persone e le indagini dei carabinieri, condotte in collaborazione con i colleghi del nucleo operativo della Compagnia di Guastalla, sono mirate ora alla loro identificazione. Utili, in questo senso, potrebbero essere gli accertamenti scientifici condotti sul Doblò abbandonato: dal raffronto delle impronte digitali, che saranno poi esaminate dai Ris di Parma, potrebbero risalire alla loro identità qualora si trattasse di persone con precedenti penali. Il Doblò, tra l’altro, è risultato essere stato rubato a Poviglio lo scorso 2 ottobre: un dettaglio, questo, che potrebbe far pensare che i malviventi siano esperti conoscitori della bassa reggiana e che qui abbiano già colpito altre volte.

A bordo del mezzo i militari hanno rinvenuto un kit da scasso, composto da un piede di porco e diversi cacciaviti, arnesi tipicamente utilizzati in caso di effrazione. Proprio a quello scopo erano probabilmente destinati gli attrezzi se i tre non avessero incrociato sulla propria strada i militari. Appena vista la pattuglia, il conducente ha accelerato a tutto gas e ha cercato di far perdere le proprie tracce ma, davanti alla resistenza dei carabinieri, i tre hanno poi preferito scendere e scappare a piedi, piuttosto che correre il rischio di essere fermati e identificati.

Ma, a colpire i carabinieri della stazione di Cadelbosco

è stata soprattutto la presenza di un’ingente partita di vini, composta da oltre 500 bottiglie (per un valore di alcune migliaia di euro) che sono state sequestrate e ora si trovano in caserma in attesa di essere riconsegnate ai legittimi proprietari anche se il furto non risulta denunciato.

TrovaRistorante

a Reggio Emilia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik